Musica: Lina Senese, al Cairo gioia napoletana e una prima

Cantante ipovedente interpreta un 'Era de maggio' in francese

23 giugno, 12:09

(di Rodolfo Calò) (ANSAmed) - IL CAIRO, 23 GIU - La canzone napoletana, e soprattutto una sua interprete che dimostra come l'arte possa trasformare in gioia anche il dolore più profondo provocato dalla malattia che ruba la vista, animano uno spettacolo al Cairo in cui è stata eseguita per la prima volta una versione 'ufficiale' francese di "Era de maggio". La protagonista è stata la cantante napoletana Lina Senese e il palco quello del teatro dell'Istituto di cultura italiano della capitale egiziana. L'artista è ipovedente per una retinite pigmentosa, malattia genetica che porta alla cecità totale.

E il concerto si è tenuto all'indomani della presentazione dell'iniziativa - sviluppata dal Centro archeologico dell'Istituto italiano di cultura del Cairo in collaborazione in con il "Museo Tattile Statale Omero" in Ancona - che consentirà ai ciechi di apprezzare attraverso il tatto una dozzina di capolavori esposti al museo egizio del Cairo.

Lina Senese, che è stata definita "poetessa in musica" per l'eleganza del suo canto, interpreta canzoni classiche e popolari napoletane offrendo melodie e visioni della Napoli di ieri e di oggi con un linguaggio musicale, in cui sono percepibili influenze provenienti dal jazz. Il tormento, la nostalgia e le passioni divoranti dei brani proposti vengono esaltati dall'avvolgente suggestione che la timbrica dell'artista riesce a creare con la sua voce calda e accogliente. Si spazia da "'O sole mio", "Passione", "I te vurria vasà", a Carosone, con una Maruzzella a ritmo di tango argentino, fino a due brani in memoria di Pino Daniele ("Quando" e "Napul'è"). In omaggio alla terra ospitante, la cantante ha interpretato in arabo e napoletano "Tu sì 'na cosa grande" mentre "Era de maggio" viene cantata in napoletano e in francese, una versione che "ha ottenuto dalla SIAE il riconoscimento dei diritti d'autore ed è la prima volta che viene presentata", ha sottolineato Senese all'ANSA.

L'artista infatti è autrice di numerose traduzioni in francese di canzoni napoletane, dieci delle quali raccolte nel suo ultimo album "La mia doppia anima" che ha ricevuto l'apprezzamento del presidente francese Emmanuel Macron. In una lettera di risposta agli auguri formulati dalla Senese per la festa nazionale dello scorso 14 luglio, inviando una copia dell'album, il Capo dell'Eliseo le ha fatto scrivere che "le sue interpretazioni in francese hanno la stessa forza emotiva che nella sua lingua natale". La malattia, che l'ha colpita quando aveva 32 anni, le consente di "percepire solo le ombre", ha ricordato la cantante, senza tristezza: "Io vivo nella gioia, una gioia profonda, nonostante l'handicap", "la retinite mi ha reso una persona migliore e mi ha aperto le porte del mondo della musica", ha insistito Senese.

"Hanno scritto di me che nel mio canto si percepisce un atto d'amore verso chi mi ascolta", "è l'amore profondo che ho per la vita e il prossimo".

Gli arrangiamenti dei brani del nuovo album, presentati nella seconda parte dello spettacolo, sono firmati da Raffaele Cherubino, polistrumentista e ingegnere del suono che ha accompagnato Lina Senese al pianoforte. "Il Maestro ha fatto un lavoro straordinario sulla mia voce e ha creato per me arrangiamenti paragonabili a vestiti di alta classe cuciti su misura", ha sottolineato l'artista. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo