Al MedFilm Festival Martone rilegge Eduardo

Stasera 'Il sindaco del rione Sanità' al Cinema Savoy

12 novembre, 16:33

(di Valentina Maresca)

ROMA - Sarà Napoli con uno dei suoi più grandi figli, Eduardo De Filippo, la protagonista serale odierna del MedFilm Festival. Al Cinema Savoy di Roma, infatti, è prevista alle 20.00 la proiezione del film fuori concorso "Il sindaco del rione Sanità", opera teatrale di De Filippo portata sul grande schermo dal regista partenopeo Mario Martone, presente in sala. La storia di Antonio Barracano e dell'umanità che gli ruota intorno è il frutto "dell'attenzione che Eduardo ha sempre avuto per la realtà, per il sociale e per il rapporto tra l'uomo e la società", ha detto Martone, che ha portato l'opera alla 76esima Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia aggiudicandosi il Leoncino d'Oro con la motivazione di "una regia che richiama un'atmosfera da palcoscenico e al contempo che riesce ad innovare un genere in ascesa in modo non convenzionale. Per aver saputo rappresentare, con eleganza e brutalità, una realtà in cui la violenza è una prerogativa dell'ignoranza. Per aver portato in scena la figura di un protagonista la cui morale sfugge a qualsiasi stereotipo del genere".

Il film di Martone sarà preceduto, sempre al Cinema Savoy in Sala 2 ma alle 18.00, da un lungometraggio in concorso ufficiale, il turco "A Tale of Three Sisters" di Emin Alper, in versione originale con i sottotitoli in inglese, mentre il pomeriggio e la serata in Sala 4 del Savoy daranno spazio al concorso internazionale di cortometraggi. Dalle 17.30, infatti, si susseguiranno il libanese "Omé" (Mia madre) di Wassim Geagea, il turco "Aylin" di Ozan Yoleri, il tunisino "Nefta football club" di Yves Piat, il kosovaro "Toni and Bleri" di Katja Verheul, lo spagnolo "Mujer sin hijo" di Eva Saiz. Alle 19.30 pausa corti con il film libanese in concorso ufficiale "All This Victory" di Ahmad Ghossein, in versione originale con i sottotitoli in italiano, e a seguire dalle 21.30 di nuovo cortometraggi in gara, per un tempo totale di 90 minuti: l'algerino "Territories" (Timoura) di Azedine Kasri, il palestinese "Ambience" di Wisam Al Jafari, il serbo "Autumn Waltz" di Ognjen Petkovic, l'israeliano "Terror" (Pigua) di Yonatan Shehoah, l'italiano "Il posto della felicità" di Aliosha Massine.

Oggi pomeriggio, inoltre, per la sezione "Letture dal Mediterraneo" vengono presentati nel romano Museo Macro di via Nizza i libri "Il generale" di Lorenzo Tondo, La Nave di Teseo, e "Io Khaled vendo uomini e sono innocente" di Francesca Mannocchi, edito da Einaudi Stile Libero. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo