Egitto: Amb.Badr, aumentano gli investimenti italiani

Italia primo partner commerciale Ue, incentivi da sfruttare

25 novembre, 16:29

(ANSAmed) - IL CAIRO, 25 NOV - Nonostante la pandemia Covid-19 che ha colpito economicamente il mondo, gli investimenti italiani in Egitto stanno aumentando e l'Italia attualmente è il partner commerciale del Cairo numero uno tra i Paesi dell'Unione Europea ed il quarto a livello mondiale. Lo ha sottolineato l'ambasciatore d'Egitto a Roma, Hisham Badr, in un messaggio ad ANSAmed.

Secondo le ultime statistiche, il totale degli investimenti italiani in Egitto ha raggiunto i 27,7 miliardi di dollari, il che indica un "crescente interesse" nella comunità imprenditoriale italiana e egiziana a rafforzare le partnership e ad espandere gli investimenti reciproci, ha sostenuto Badr riferendosi implicitamente a una somma non riferita a un singolo anno.

L'ambasciatore ha sottolineato di aver fatto queste notazioni a un convegno virtuale organizzato la settimana scorsa da IC&Partners SpA, importante piattaforma "entry strategy" e di supporto agli investimenti diretti esteri delle imprese italiane.

In generale ci sono "grandi opportunità per le aziende italiane" in Egitto: incentivi agli investimenti, "solide riforme macroeconomiche, ampia base industriale, ampio mercato interno, posizione strategica nel crocevia tra Europa meridionale, Medio Oriente e Africa", ha detto Badr sintetizzando l'intervento fatto agli "Export talks - Focus Egitto" svoltosi martedì 17 novembre.

Nell'incontro organizzato da IC&Partners, società che da 25 anni affianca le imprese nel percorso di crescita sui mercati esteri e oggi conta 27 sedi dirette nei principali mercati globali e 28 "partnership qualificate", l'ambasciatore ha sottolineato il rapporto con l'Italia citando il "Dialogo Strategico Italo-Egiziano sull'Economia Marittima" lanciato 2 anni fa ad Alessandria d'Egitto.

Si tratta a suo dire di un "facilitatore del commercio marittimo" e di nuove modalità di cooperazione tra cui nuove linee cargo e RoRo, costruzione di navi, gemellaggi doganali, cooperazione logistica, più veloci procedure di commercio.

Badr ha evidenziato anche la partecipazione italiana ed egiziana all'East Mediterranean Gas Forum, la prima organizzazione multilaterale che servirà a orchestrare le politiche e strategie energetiche nell'area.

"Organizzazione e filiera è la strategia vincente per le Pmi italiane che vogliono partecipare ai grandi progetti ed, in generale, affacciarsi sul mercato egiziano", ha detto dal canto suo sempre ad ANSAmed Gianni Scoponi, amministratore delegato di Bin Group k.f.t., una società che offre servizi di consulenza operativa per l'internazionalizzazione delle imprese. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo