Giornalisti Mediterraneo, internet e lavoro, quale futuro?

A Otranto si parla dei giovani che si allontanano da lettura

11 settembre, 15:36

(ANSAmed) - OTRANTO (LECCE), 11 SET - Con l'arrivo di internet nella vita quotidiana, i media sono al crepuscolo o assistiamo a una loro trasformazione? Di certo è in atto un'enorme rivoluzione: la diffusione dei quotidiani è in caduta libera e c'è poi l'elemento generazionale che vede i giovani allontanarsi dalla lettura. A mettere in crisi l'editoria tradizionale è subentrato il mutamento del mercato della pubblicità. L'editoria è in grave crisi dei ricavi. E, a causa della sfida posta dai social, tra le sue missioni ci sarà anche quella di certificare il vero, stigmatizzando il falso. E' di tutto questo che si parlerà domani sera, 12 settembre, a Otranto, nell'ambito del Festival dei 'Giornalisti del Mediterraneo', in programma fino al 16 settembre. A dialogare su questo tema ci saranno Zouhir Louassini, RaiNews24, Maurizio Paglialunga, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Cecilia Scaldaferri, Agenzia Agi, Sara Manisera, The National. Modera: Paolo Di Giannantonio, Rai Tg1. "C'è stata - commenta Maurizio Paglialunga - una miopia da parte dell'imprenditoria relativa all'informazione, perché ha inizialmente introdotto e perpetuato per anni il concetto di gratuità. L'informazione gratuita ha travolto il mondo del lavoro giornalistico: venendo meno i ricavi da vendita, da pubblicità, sono venuti meno i posti di lavoro e pure la qualità, perché non si investe più su un lavoro di inchiesta, sui giovani". "Di fronte al peso crescente dei social, alla circolazione sempre più diffusa di fake news, alla necessità di coniugare credibilità e tempestività - aggiunge Cecilia Scaldaferri - orientarsi nel mare magnum dell'informazione rende la missione del giornalismo ancora più indispensabile. Ruoli, strumenti e risorse restano però i nodi da sciogliere". In contemporanea, alle ore 20.30, si terranno tre presentazioni di libri: in Largo Porta Alfonsina, Paola Moscardino, La7, dialogherà con Giovan Battista Brunori, Vaticanista Rai Tg2, autore del libro "Benedetto XVI - Fede e profezia del primo Papa emerito nella storia" (Edizioni Paoline); Emiliano Cirillo, Rai Tg3, sarà in via Alfonso D'Aragona insieme a Michela Marcuri, autrice di "Incognita Libia" (Franco Angeli Editore), e Patrizio Nissirio, di ANSAmed, dialogherà con Anna Ditta, autrice di "Belice" (Infinito Edizioni).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo