Cinema: Nuoro capitale dei docufilm con IsReal

Nove in concorso, otto in anteprima nazionale. Ospite Minervini

30 aprile, 12:12

(di Maria Giovanna Fossati) (ANSAmed) - NUORO, 30 APR - Nove film in concorso suddivisi in sei giorni di immersione nel cinema documentario, che vede Nuoro sempre più epicentro culturale dell'isola. Torna IsReal, il Festival di Cinema del Reale "Sguardi sul Mediterraneo" organizzato dall'Isre con la collaborazione di Fondazione di Sardegna e Fondazione Sardegna Film Commission e con la partnership di Ten, Teatro Eliseo di Nuoro. La rassegna sarà ospitato dal 7 al 12 maggio nell'auditorium Giovanni Lilliu.

Il Festival, giunto alla sua quarta edizione, torna con la direzione artistica di Alessandro Stellino e quest'anno più che mai è ricco di sorprese. Ospite d'onore sarà Roberto Minervini, David di Donatello per il miglior documentario nel 2016: il regista di origini sarde, racconterà il suo rapporto con l'Isola e proporrà i suoi lavori più importanti.

Dei nove film in concorso, otto saranno proiettati in anteprima nazionale: apre "Honeyland" di Ljubomir Stefanov e Tamara Kotevska (Macedonia) e chiude "Zagros" di Shahab Mihandoust e Ariane Lorrain (Canada). Domenica 12 maggio poi giornata interamente dedicata alla produzione regionale con "Sa femina accabadora" di Fabrizio Galatea, "Il Sottosopra" di Giuseppe Casu, "Climbing the elixir" dell'antropologa nuorese Monica Dovarch e "Piove Deserto", in prima visione assoluta scritto e diretto da Daniele Maggioni e Maria Grazia Perria.

"Abbiamo lavorato assiduamente visionando svariate centinaia di film - racconta Alessandro Stellino nella conferenza stampa di presentazione - e il livello dei lavori selezionati è altissimo, a cominciare da 'Honeyland', trionfatore dell'ultimo Sundance di Robert Redford. Prima vengono i film e il pubblico e il fare comunità intorno alla cultura, poi i riscontri dati dall'interesse crescente nel Festival. Avere otto film da proiettare in prima nazionale fa di IsReal un evento di grande livello".

Proiezioni ma anche workshop in cui si confronteranno registi, produttori e attori provenienti da tutto il mondo. "In poco tempo IsReal ha saputo ritagliarsi uno spazio internazionale - sottolinea il presidente dell'Isre Giuseppe Matteo Pirisi - Durante i sei giorni del Festival, Nuoro e la Sardegna tutta si faranno centro gravitazionale di immagini e voci diverse, crocevia degli sguardi sul Mediterraneo per raccontare attraverso i film il mondo in cui viviamo". "In questi giorni raccogliamo il frutto di un lavoro di relazioni nazionali e internazionali che dura tutto l'anno - spiega la direttrice della Sardegna film Commission Nevina Satta - Il lavoro di ricerca dell'Isre continua, in questo caso raccontando il reale attraverso il cinema e diventando un avamposto del sistema dell'industria creativa".(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo