Haftar, siamo in guerra, in Libia entrano terroristi

Generale a una tv, ingressi favoriti da immigrazione illegale

13 novembre, 13:02

(ANSAmed) - IL CAIRO, 13 NOV - "Siamo sempre in stato di guerra e il Paese ha bisogno di controllare le proprie frontiere": lo ha detto il generale Khalifa Haftar parlando al microfono di una televisione libica a Palermo. "Abbiamo frontiere con la Tunisia, Algeria, Niger, Ciad, Sudan ed Egitto e la migrazione illegale viene da tutte le parti", ha aggiunto Haftar a "Libya Hadath" sottolineando che il fenomeno favorisce l'ingresso di miliziani e terroristi islamici. "I leader di questi stati sicuramente hanno un punto di vista su questo tema e devono aiutarci almeno controllando le loro frontiere in maniera di non permettere l'immigrazione clandestina che ci crea il problema delle milizie, al-Qaida, Daesh (Isis, ndr), movimento islamico e integralisti che entrano attraverso le nostre frontiere", ha aggiunto Haftar nella breve intervista in video ripresa ieri sera e rilanciata stamattina sulla pagina Facebook del giornale libico Enwan. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo