Libia: Conte, serve inclusione, no a soluzioni imposte

Premier, tutti possono offrire un valore aggiunto alla pace

13 novembre, 14:38

(ANSAmed) - PALERMO, 13 NOV - "Abbiamo tenuto ad assicurare la piena inclusività all'incontro di tutti quegli attori che hanno a cuore la stabilizzazione e il futuro della Libia.

Abbiamo inoltre sottolineato, da subito, quanto fosse cruciale avere con noi oggi i principali attori libici" e "abbiamo voluto farci promotori di questa iniziativa nel pieno rispetto della ownership libica del processo. Le soluzioni non possono essere imposte dall'esterno". Lo ha affermato il premier Giuseppe Conte alla Conferenza di Palermo.

"La Libia ha già compiuto passi in avanti importanti. Ha sconfitto Daesh a Sirte, ha rappresentato un valido partner per combattere contro le reti di trafficanti di esseri umani, ha condotto il Paese - nonostante le numerose difficoltà - ad una significativa ripresa economica. In questo percorso l'Italia non ha mai smesso di stare vicina alla Libia e al popolo libico, costruendo un legame di reciproca fiducia. In questi anni abbiamo continuato a lavorare per il rafforzamento delle istituzioni legittime, con un approccio inclusivo verso tutti gli attori libici, in Tripolitania come in Cirenaica e nel Fezzan. E riteniamo che tutti coloro che hanno a cuore il futuro della Libia e che sono oggi qui riuniti possano offrire un valore aggiunto alla pace e alla sicurezza del Paese", ha spiegato Conte. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo