Sicilia, a Noto nasce il Parco dell'Anima, culture e colture del Med

Arte e tradizioni agricole, un mix tonico per economia e turismo

03 agosto, 14:34

Il progetto di Parco dell'anima, a Noto Il progetto di Parco dell'anima, a Noto

NAPOLI - Nasce in Sicilia, a Noto in provincia di Siracusa, il Parco dell'Anima, in una sconfinata campagna mediterranea, tra antichi agrumeti, alberi di ulivo, mandorli secolari e carrubi, un luogo scelto dalla start up per la valorizzazione delle antiche colture e culture del Mediterraneo, "M'ama seeds". Fondata da Alessia Montani, "M'ama seeds" riunisce, con il progetto di fondare un consorzio, tutti i protagonisti della filiera che a vario titolo custodiscono e valorizzano un immenso patrimonio materiale, quello degli antichi semi autoctoni.
   Il progetto del parco verrà presentato mercoledì 5 agosto, con una performance di arte moda e cibo. Ideato su progetto dell'architetto Fernando Miglietta, il Parco dell'anima non vuole essere un semplice salotto di intrattenimento all'aperto ma, spiegano gli organizzatori, un progetto costruttivo di cultura civiltà e salute, un veicolo di rilancio per l'economia del territorio rivolto a mutare l'orizzonte dei processi produttivi nel segno dell'innovazione, del benessere accessibile, della salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità vegetale e animale. E già sono numerose le iniziative intraprese da "M'ama seeds" nel segno di una stretta cooperazione tra arte e vita quotidiana e a sostegno di un turismo culturale, come l'intervento di Michelangelo Pistoletto che lo scorso anno ha inaugurato il celebre segno del suo Terzo Paradiso tra le spighe di uno speciale grano antico chiamato "russello".

Il varo si svolgerà il 5 agosto al CUMO, Consorzio Universitario del Mediterraneo Orientale, dove docenti universitari, liberi professionisti, rappresentanti delle istituzioni e della filiera produttiva, attorno al celebre tavolo-opera d'arte di Michelagelo Pistoletto, Love Difference, approfondiranno il tema "Tradizioni secolari, colture e culture del Mediterraneo". La sera saranno gli artisti Chicco Margaroli, Silvia Giovanardi, Domenico Pellegrino, e il coreografo Jaime Urciuoli a presentare l'idea progettuale del Parco con una performance dai linguaggi multidisciplinari - tra moda, arte e cibo - caratterizzata dalle contaminazioni fra i generi, che riunisce artisti proveniente da diversi ambiti, scelti per avere fatto dei temi della sostenibilità ambientale il centro della propria ricerca. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo