Messa Assunta a La Goulette, rito ripetuto

Tradizione rispettata nonostante emergenza coronavirus

17 agosto, 13:32

(ANSAmed) - TUNISI, 17 AGO - Anche quest'anno, pur nel rispetto delle dovute misure di sicurezza per l'emergenza coronavirus, applausi e youyous (urla di giubilo tipiche delle donne nel mondo arabo) hanno accolto la statua della Madonna di Trapani, che è stata fatta uscire sul sagrato della chiesa di La Goulette, sobborgo di Tunisi sul mare, in occasione della Festa dell'Assunta. Qualche centinaio di persone, tra fedeli e curiosi, sono accorse lo scorso 15 agosto al tradizionale appuntamento della Messa dell'Assunta a La Goulette, e hanno potuto assistere a questo rito che ogni anno diventa modello di comunione e vicinanza tra comunità religiose diverse (a La Goulette hanno convissuto a lungo tunisini, francesi, maltesi, italiani). La messa dell'Assunzione di Maria, che fino al 1962 prevedeva anche la processione della Madonna di Trapani fino al mare, è rimasto un'avvenimento imprescindibile per la piccola ma vivace comunità cristiana di Tunisi, al quale non è raro trovare ad assistervi qualche musulmano o ebreo. Nel 2007, la chiesa di La Goulette, dedicata ai santi Agostino e Fedele, è stata restaurata e ridecorata dal pittore italiano Alberto Bogani. Una comunità di Missionarie della Carità o suore di Madre Teresa di Calcutta, risiede in questo luogo per prendersi cura di alcune anziane signore, spesso di origine italiana. Una comunità di padri della Congregazione della Missione, meglio conosciuti come Lazaristi, ha infine fondato qui una piccola comunità residenziale dal settembre 2011 e ogni domenica vi si celebra la Messa per la collettività cristiana di Tunisi, per lo più anglofona-africana. (ANSA) (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo