Nettunit, piattaforma italo-tunisina per allarmi meteo

Per far fronte a rischi ambientali, grazie a scambio dati

18 dicembre, 11:02

(ANSAmed) - TUNISI, 18 DIC - Si chiama "Nettunit", ed è una piattaforma italo-tunisina per allarmi meteorologici e relativi all'inquinamento atmosferico e marino. L'obiettivo è "far fronte ai rischi ambientali, attraverso lo scambio regolare di dati e informazioni ambientali transfrontalieri, soprattutto per l'habitat marino e costiero".

Il progetto sarà operativo all'inizio del 2023, nell'ambito dello strumento europeo di vicinato e del suo programma di cooperazione transfrontaliera (Eni).

Ne dà notizia l'Istituto nazionale di meteorologia (Inm), capofila della parte tunisina che ha organizzato un incontro virtuale dell'avvio del progetto. La realizzazione di Nettunit, con un budget di 1,066 milioni di euro, all'86% finanziato dall'Ue, durerà 30 mesi. "La piattaforma, una volta completata, sarà utilizzata dalla protezione civile e dai servizi sanitari locali e da altri servizi di intervento italiani e tunisini.

Tuttavia, i suoi dati saranno accessibili a tutti, cittadini compresi", ha detto il direttore generale dell'Inm, Hédi Agrebi Jaouadi. L'Istituto tunisino di meteorologia sarà incaricato di fornire previsioni e simulazioni sull'impatto dei fenomeni naturali in caso di inquinamento atmosferico o incidenti ambientali in mare nella zona del canale che separa Cap Bon dall'isola di Sardegna, chiarisce rilevando che l'area di intervento del progetto si estende da Biserta a Gabes. Tra i partner tunisini anche l'Ospedale pubblico Abderrahmen Mami dell'Ariana e il Centro di ricerca digitale di Sfax. I partner italiani sono il Centro nazionale di ricerca di Palermo, Intelligence per l'ambiente e Sicurezza (Ies) e l'Azienda sanitaria provinciale di Caltanissetta. (ANSA)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo