"Butteri rischiano scomparsa", la resistenza di Albarese

Quattro a cavallo in cuore Maremma. Pochi raccolgono testimone

23 agosto, 18:44

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Un mestiere antichissimo, a rischio estinzione. Una tradizione che si tramanda da secoli, ma che oggi fatica a trovare nuove leve pronte a portarla avanti. I butteri - i guardiani del bestiame a cavallo tipici del centro Italia - sono sempre meno e pochi i giovani che portano avanti questa professione, tanto affascinante quanto dura. A raccontarlo all'ANSA sono gli stessi butteri dell'ente pubblico Terre Regionali Toscane, una delle ultime realtà a puntare con convinzione su questa attività. Che resiste, quasi immutata nel tempo, ad Alberese, nel cuore della Maremma, tra mandrie di animali bradi, pineta, bosco e pascoli naturali. Qui sono quattro i 'mandriani' che lavorano in azienda, su un territorio di circa 4 mila ettari. Ogni giorno, in tutte le stagioni, sono incaricati di occuparsi di circa 500 bovini allo stato brado: tori e vacche maremmane. Abilissimi a cavallo e nella gestione degli animali, sorvegliano e curano il bestiame come accade da generazioni, portano avanti un tipo di allevamento libero e proprio per questo molto faticoso da gestire. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo