Serbia: da Bei 100 mln euro a sostegno trasporto fluviale

Coinvolti Danubio e Sava. Accordo firmato a Belgrado

23 novembre, 18:30

(ANSAmed) - BELGRADO, 23 NOV - La Banca europea degli investimenti (Bei) ha concesso un prestito di 100 milioni di euro alla Serbia per migliorare il sistema di trasporto e navigazione fluviale lungo il Danubio e la Sava, i due maggiori fiumi del Paese che sono parte del progetto trans-europeo di trasporti fluviali che coinvolge Reno/Mosella-Meno-Danubio. Il relativo documento e' stato firmato oggi a Belgrado dal ministro delle finanze serbo Sinisa Mali e da Matteo Rivellini, responsabile Bei per Slovenia, Croazia e Balcani occidentali, alla presenza del capo della delegazione Ue in Serbia Sem Fabrizi e del vicepremier e ministro dei trasporti e infrastrutture serbo Zorana Mihajlovic. I fondi, ha reso reso noto la Bei in un comunicato, contribuiranno a facilitare le operazioni dalla terraferma verso il trasporto fluviale, migliorando i servizi nel settore industriale locale e regionale e in quello agricolo, sostenendo la crescita economica e creando nuovi posti di lavoro.

L'investimento inoltre, e' stato sottolineato, potenziera' il sistema di collegamenti tra i Paesi europei e migliorera' la cooperazione regionale. In totale, ha detto la Bei, saranno investiti piu' di 200 milioni di euro per vari progetti in tale settore, a partire dal 2019. Il vicepresidente della Bei Dario Scannapieco, responsabile per le operazioni nei Balcani occidentali, ha sottolineato l'impegno che la Banca europea degli investimenti, quale Banca dell'Unione europea, mette in atto da oltre 40 anni a sostegno dello sviluppo e potenziamento delle infrastrutture nella regione balcanica. "Il prestito sottoscritto oggi e' un ulteriore esempio della cooperazione molto fruttuosa con la Serbia. Sono convinto che questo progetto portera' benefici economici al Paese e ai suoi cittadini, ponendo le basi per ulteriori investimenti nel settore", ha detto Scannapieco. Soddisfazione e' stata espressa dai ministri Mali e Mihajlovic e dall'ambasciatore Fabrizi, che hanno sottolineato la grande importanza dello sviluppo infrastrutturale per il progresso economico della Serbia e dell'intera regione dei Balcani occidentali, che hanno bisogno di una sempre maggiore integrazione nella rete europee dei trasporti. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo