Kurz attacca Ue,costringerci sui migranti non aiuta

Contro le quote, aiuti a casa loro. Svizzera minaccia voto su Ue

27 dicembre, 17:05

(di Lucia Sali) (ANSAmed) - BRUXELLES, 27 DIC - L'Austria non solo non cede sui migranti ma soffia sul fuoco, anche a Natale, in barba agli appelli di papa Francesco e all'atteggiamento 'politically correct' di Bruxelles che ha accolto il neo cancelliere austriaco alla guida di una coalizione con l'estrema destra sottolineandone il "programma pro-europeo". Stop alle quote che non funzionano, aiuti a casa loro e, se necessario, anche con un intervento militare sono le proposte rilanciate da Sebastian Kurz, a fronte delle quali Bruxelles continua a mantenere la sua posizione e a puntare alla riforma di Dublino entro giugno. Mentre sull'Europa si addensano le nubi anche sul fronte svizzero: Berna minaccia un referendum per rivedere le relazioni con l'Ue, dopo le frizioni sul pieno accesso degli investitori europei alla borsa elvetica.

"Forzare gli stati membri ad accettare i rifugiati non aiuta l'Europa", ha dichiarato Kurz in un'intervista alla Bild am Sonntag e, ha avvertito, "se continuiamo su questa strada, divideremo solo ulteriormente l'Ue e gli stati membri dovranno decidere da soli se e quante persone prendere". Anche perché, ha messo le mani avanti il 31enne leader austriaco allineandosi con il Gruppo Visegrad, "i migranti in strada per l'Europa non vogliono andare in Bulgaria o Ungheria, ma in Germania, Austria o Svezia". Il messaggio austriaco a Bruxelles è chiaro: stop al sistema attuale di accoglienza, perché "la strada presa nel 2015 è sbagliata". I migranti devono essere aiutati a casa loro, anche con l'uso della forza: "se non è possibile, allora in aree sicure nel loro continente che l'Ue deve sostenere e forse anche organizzare e appoggiare militarmente".

La Commissione Ue ha rimbalzato le dichiarazioni di Kurz, trincerandosi dietro la sua posizione abituale, in attesa di vedere cosa farà Vienna al tavolo Ue. Il commissario agli affari interni Dimitri Avramopoulos ha però tenuto a ribadire ai media tedeschi del gruppo Funke che "non possiamo accettare lo status quo", perché "la solidarietà non può essere solo parziale" e "in modo selettivo", ribadendo quindi la necessità di un'intesa tra i 28 sulla riforma del sistema d'asilo entro giugno. Sale la tensione, intanto, anche con la Svizzera dove la presidente Doris Leuthard, dopo gli ultimi screzi con Bruxelles con cui è in corso una difficile revisione del quadro dei rapporti bilaterali, ha brandito l'arma del referendum. Il rinnovo solo sino a fine 2018 del pieno accesso alla borsa svizzera ha infatti mandato su tutte le furie Berna. "Dobbiamo chiarire la nostra relazione con l'Europa, dobbiamo sapere in quale direzione andare" quindi, ha avvertito la presidente, "sarebbe d'aiuto un referendum fondamentale". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo