La Francia toglie la parola 'razza' dalla Costituzione

Ok deputati a riforma Macron. Bandite le 'distinzioni di sesso'

13 luglio, 18:02

PARIGI - La Francia cancella la parola 'razza' dalla Costituzione: l'Assemblée Nationale - la camera bassa del parlamento francese - ha adottato questo primo emendamento altamente simbolico, nel quadro del progetto di revisione costituzionale promosso dal presidente Emmanuel Macron.

Introdotto, nella carta fondamentale, anche il divieto di ogni "distinzione di sesso" tra cittadini. Nell'articolo 1, che definisce i valori fondamentali della Repubblica, la futura versione emendata indica infatti che "La Francia è una Repubblica indivisibile, laica, democratica e sociale.

Garantisce l'eguaglianza dinanzi alla legge di tutti i cittadini senza distinzione di sesso, di origine o di religione".

Rispetto alla precedente versione, ancora in vigore fino al definitivo ok della riforma costituzionale, è stata dunque aggiunta la dicitura "distinzione di sesso" e rimossa invece la parola "razza"', inclusa tra "origine" e "religione". Un provvedimento che ha unito la stragrande maggioranza dei gruppi politici.

La parola "razza" fu introdotta nella Costituzione francese del 1946, proprio con l'obiettivo di respingere le tesi razziste dopo gli orrori nazifascismo. Con la stessa aspirazione, venne poi ripresa in quella della Quinta Repubblica del 1958.

Paradossalmente, includere quel termine così controverso (è ormai ampiamente dimostrato che le razze non esistono) nella carta fondamentale ha però contribuito a legittimare le teorie di chi invece pensa il contrario. Un controsenso che dovrebbe dunque scomparire l'anno prossimo, se la riforma costituzionale di Macron andrà in porto. Al voto odierno hanno partecipato 119 deputati di quasi ogni colore politico. Il leader centrista dell'Udi, Jean-Christophe Lagarde, che ha presentato l'emendamento, ha tuttavia deplorato che "nessun rappresentante dell'estrema destra fosse presente a questo voto che onora la nazione". La modifica viene contestata da alcuni movimenti antirazzisti. "La razza non esiste, ma il razzismo esiste e uccide", avverte Emilia Roig, del Center for Intersectional Justice, intervistata da France Info. "Per poter agire contro il razzismo - gli fa eco Houria Bentouhami, dell'Università di Tolosa - c'è assoluto bisogno di questo strumento che permette di chiamarlo per nome". Nel 2013, la parola "razza" venne già bandita dalla legislazione transalpina, una prima tappa, avviata dall'ex presidente Francois Hollande, che si impegnò a cancellarla anche dalla costituzione, anche se ora sarà il suo successore, Emmanuel Macron, a cercare di condurla definitivamente in porto.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo