Blitz Usa in Libia: Italia approva rischieramento a Sigonella

Amnesty denuncia blitz; Onu, Libia ha diritto a chiarimenti

08 ottobre, 17:20

La base Nato di Sigonella La base Nato di Sigonella

(ANSA) - ROMA - La Difesa italiana, nell'ambito degli accordi esistenti tra Italia e Usa, ha approvato lo schieramento a Sigonella di 200 militari americani ed alcuni velivoli in seguito all'innalzamento del livello di allerta dopo la cattura del leader di Al Qaeda, Abu Anas al Libi da parte delle Forze Usa, avvenuta sabato scorso a Tripoli. Il blitz, contestato dalla Libia e da Amnesty International ha determinato un nuovo stato di allerta per la sicurezza internazionale. In risposta alla nuova minaccia - sottolinea la Difesa italiana - è stato pertanto richiesto dall'autorità americana il rischieramento temporaneo di assetti militari nella base di Sigonella, per una eventuale esfiltrazione dei loro connazionali".

La cattura di Abu Anas Al-Libi da parte di forze americane in Libia rappresenta una ''violazione dei diritti umani fondamentali'', denuncia da parte sua l'organizzazione Amnesty International.''Se al Libi verrà portato negli Stati Uniti, il governo americano non dovrebbe condannarlo a morte'', si legge in un comunicato di Amnesty che si dice ''preoccupata per i metodi che il governo americano utilizza in alcuni casi negli interrogatori, che includono isolamento prolungato e deprivazioni del sonno''.

La Libia ha ogni diritto di conoscere le circostanze dell'arresto, secondo quanto affermato da Tarek Mitri, emissario dell'Onu nel Paese, replicando indirettamente al segretario di Stato, John Kerry, secondo il quale Washington considera il raid legale e quindi nessuna spiegazione sarebbe stata dovuta.

(ANSAmed)

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo