Siria: Ong, 54 uccisi di cui 34 civili in ultime 24 ore

Accuse reciproche violazioni tregua, tra vittime 11 bambini

16 settembre, 13:36

(ANSAmed) - BEIRUT, 16 SET - E' di 54 uccisi nelle ultime 24 ore il bilancio delle violenze che continuano in Siria nonostante la tregua in vigore da lunedì scorso. Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) secondo cui 34 sono civili e 20 sono miliziani di varie sigle. Tra i civili uccisi si contano undici minori, tra cui una bimba uccisa da insorti nel sud della Siria e un bambino ucciso da un cecchino governativo ad Aleppo est, nel nord. Il bilancio più sanguinoso proviene da Mayadin, nell'est del Paese controllato dall'Isis, dove ieri sono morti 27 civili, tra i quali 9 bambini, in un raid aereo compiuto da non meglio identificati aerei militari.

Le parti si accusano a vicenda di non rispettare il regime di "calma" in vigore da lunedì sera. Secondo l'Ondus nelle ultime ore si registrano attacchi aerei e di artiglieria governativi nella Siria centro-occidentale (Idlib), nella Siria centrale (regioni di Homs e Hama), dentro e fuori Damasco (nella Ghuta orientale e nel quartiere di Jobar), nel sud del Paese (nelle regioni di Daraa e Qunaytra). L'agenzia ufficiale Sana dal canto suo denuncia violazioni della tregua da parte di insorti a Jobar, quartiere della capitale fuori dal controllo governativo.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo