Siria: forze turche entrano nel distretto di Manbij

Per rafforzare meccanismo pattuglie congiunte con Usa

02 novembre, 15:12

(ANSAmed) - BEIRUT, 2 NOV - Nuove forze militari turche sono entrate nelle ultime ore nell'enclave di Manbij, nel nord della Siria, nel quadro di un accordo con gli Stati Uniti per l'avvio di pattuglie congiunte turco-americane attorno alla città a ovest dell'Eufrate. Annunciato da mesi, il pattugliamento congiunto è cominciato formalmente ieri. Ma solo nelle ultime ore le forze turche, posizionate nel vicino distretto di Jarablus, sono entrate numerose nella zona di Manbij. Quest'area è di fatto controllata dal punto di vista amministrativo dall'ala siriana del Pkk, considerata "terrorista" da Ankara. Le forze curdo-siriane sono presenti a est dell'Eufrate, mentre Manbij si trova a ovest del fiume. I quadri amministrativi curdi e filo-curdi rimangono nella città, già controllata dall'Isis e che era stata poi conquistata dall'ala siriana del Pkk. Prima di essere presa dall'Isis, Manbij era un'area mista araba e curda. Con l'arrivo delle forze curdo-siriane, sostenute dagli Usa, il distretto ha subito una parziale curdizzazione dei quadri politici e amministrativi locali. Gli accordi tra Stati Uniti e Turchia prevedono il graduale ritiro delle forze curde da Manbij di fronte a un altrettanto graduale ingresso delle truppe di Ankara a ovest dell'Eufrate.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo