Coronavirus: Libano, al via disinfestazione campi profughi

Nel Paese si registrano 267 casi

24 marzo, 11:18

(ANSAmed) - BEIRUT, 24 MAR - Le autorità del Libano fanno sapere stamani di aver avviato la disinfestazione in 52 campi informali di profughi siriani sparsi nel Paese per limitare il diffondersi del coronavirus. In Libano si registrano ufficialmente 267 casi. Su un territorio nazionale che, all'incirca, ha la stessa superficie dell'Abruzzo, vivono circa quattro milioni di libanesi e un milione di profughi siriani.

I profughi siriani sono presenti in larga parte nei campi informali nel nord, nel Monte Libano, nella valle orientale della Bekaa e nel sud. L'Alto commissariato Onu per i rifugiati aveva annunciato nei giorni scorsi l'avvio di una campagna di prevenzione nei campi. Citata dal ministero della Sanità libanese, la direzione generale della sicurezza generale, la principale agenzia di intelligence e controllo del Paese, ha annunciato di aver avviato la disinfestazione degli oltre 50 campi presenti nel paese. E di aver cominciato, in collaborazione con i comuni dove si trovano i campi, pattugliamenti di polizia. Questo per assicurare che i profughi non escano dai confini degli assembramenti e che sia rispettato il coprifuoco annunciato sabato scorso dal governo. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo