Portogallo: Lisbona da' l'ultimo saluto ad Antonio Tabucchi

29 marzo, 19:11

Antonio Tabucchi Antonio Tabucchi

(di Paola Del Vecchio) (ANSAmed) - MADRID, 29 MAR - Lisbona, la sua seconda patria, ha dato oggi l'ultimo saluto allo scrittore Antonio Tabucchi, morto domenica di cancro a 68 anni all'Hospital da Cruz Vermelha della captale lusitana, dov'era ricoverato. La salma di Tabucchi, dopo essere rimasta nella camera ardente allestita al Palazzo Galveias, è stata cremata in una cerimonia privata questa mattina, in presenza della vedova dello scrittore, Maria José Lancastre, e degli amici più intimi. Le sue ceneri, alle tre del pomeriggio, sono state depositate, in una cerimonia pubblica alla quale ha preso parte una folla commossa, nel cimitero dos Prazeres, a Lisbona, lo stesso che accolse nel 1935 i resti del poeta lusitano Fernando Pessoa, che tanto ispirò l'opera dello scrittore e saggista originario di Pisa. Il presidente del Portogallo, Anibal Cavaco Silva, ha inviato un messaggio di cordoglio alla famiglia di Tabucchi, definendolo "un grande amico del Portogallo". Numerosi omaggi in memoria dell'autore di 'Sostiene Pereira', amante, divulgatore e traduttore per l'Italia dell'opera di Fernando Pessoa e della cultura portoghese, si sono susseguiti da domenica nel Paese lusitano e continueranno anche nei prossimi giorni. Domani il film 'Requiem', basato sull'omonimo romanzo di Tabucchi, sarà proiettato allo Spazio Nimas, a Lisbona. Il 2 aprile, nella casa di Fernando Pessoa a Lisbona, si svolgerà una lettura pubblica dell'opera dello scrittore italiano, mentre la casa editrice portoghese Dom Quixote sta ultimando la traduzione del libro di racconti 'Il tempo invecchia in fretta', pubblicato da Tabucchi nel 2009 in italiano. In un comunicato, la casa editrice ha rinnovato "l'impegno assunto con lo scrittore di dare nuova vita alla sua opera, sulle cui importanza e qualità concordano critica e pubblico".

Considerato fra le maggiori coscienze critiche in Europa, Tabucchi, nato a Vecchiano (Pisa) nel 1943, da decenni era legato al Paese di Pessoa di cui ottenne la nazionalità nel 2004: una "mera formalità", come ebbe occasione di sottolineare più volte per chi, come lui, sognava spesso in portoghese.

'Sostiene Pereira' e 'La testa perduta di Damasceno Monteiro' sono due delle opere ambientate in Portogallo da Tabucchi, che conta anche tra i suoi libri più famosi "Gli ultimi tre giorni di Fernando Pessoa' e 'Notturno indiano'. Decorato nel 1989 dall'allora presidente Mario Soares cavaliere dell'Ordine dell'Infante D. Henrique, Tabucchi fu candidato del Bloco de Esquerda, la formazione di sinistra, alle elezioni europee ed è stato sempre in prima linea nella difesa della libertà d'espressione e del diritto di opinione. Del suo circolo di amici facevano parte Alexandre O'Neill, José Cardoso Pires, Fernando Lopes, che portò al cinema l'adattamento di 'O fio do horizonte', una delle varie opere di Tabucchi adattate al grande schermo.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo