Tunisi: design e città del futuro per l'Italian Design Day

Il 21 marzo all'ex presbiterio di Santa Croce nella Medina

12 marzo, 11:54

(ANSAmed) - TUNISI, 12 MAR - Il design italiano sarà ancora una volta protagonista in Tunisia il 21 marzo prossimo per la terza edizione della "Giornata del Design Italiano nel Mondo", che quest'anno sarà dedicata al rapporto tra design e città del futuro. Il design è uno strumento per comprendere la rapida evoluzione delle città contemporanee e per sviluppare soluzioni innovative in grado di soddisfare le esigenze di cambiamento e sostenibilità, senza sacrificare servizi, mobilità e infrastrutture. Questo tema è anche al centro della XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, aperta al pubblico fino al 1 settembre 2019, e della 58a edizione del Salone del Mobile di Milano che verrà inaugurata il 9 aprile 2019. La "Giornata del Design Italiano" è un'iniziativa promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in oltre 100 rappresentanze diplomatiche in tutto il mondo. Eventi e conferenze vedranno la partecipazione di "Ambasciatori del design italiano", testimonial di eccellenza, scelti tra designer, imprenditori, giornalisti, critici, comunicatori e insegnanti. Per celebrare la terza edizione della Giornata del design italiano in Tunisia, l'Ambasciata d'Italia, l'Istituto Italiano di Cultura e l'Ufficio regionale dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) di Tunisi, hanno scelto un luogo speciale, l'ex presbiterio di Santa Croce, perla architettonica nella Medina di Tunisi, rinnovato grazie al finanziamento della Cooperazione Italiana.

La giornata del 21 marzo inizierà alle 10 con un ospite d'eccezione, il Ministro tunisino delle Infrastrutture, dell'Edilizia abitativa e della Pianificazione territoriale, Noureddine Selmi, che aprirà il seminario sul tema "Innovazioni nei mezzi di trasporto urbano per una città del futuro" con l'architetto e ambasciatore del design, Ezio Godoli. Nel pomeriggio, un altro ambasciatore del design, l'architetto Giulio Vinaccia, porterà la sua testimonianza come parte del progetto "Creative Mediterranean", un modello di successo nel connubio tra design italiano e artigianato tunisino. Sarà quindi inaugurata una mostra di prodotti artigiani tunisini provenienti dal Nabeul Tableware Cluster. I prodotti sono stati realizzati in collaborazione con designer italiani e internazionali, nell'ambito del progetto "Creative Mediterranean" realizzato da Unido e cofinanziato dalla Cooperazione Italiana e dall'Unione Europea. (ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo