Gaza: autore teatro, per attori e registi non c'è più lavoro

L'allarme di Ali Abu Yassin uno dei pochi che è rimasto

12 giugno, 17:25

(ANSAmed) - GAZA, 12 GIU - Buona parte degli attori e dei registi di Gaza sono stati costretti negli ultimi anni a lasciare la Striscia per penuria di lavoro: lo ha detto all'ANSA l'attore e autore teatrale Ali Abu Yassin (55), uno dei pochi che hanno deciso di restare. "Le rovine del Palazzo della Cultura al-Meshal, bombardato da Israele nel 2018, simboleggiano del tutto lo stato della cultura oggi a Gaza", afferma Abu Yassin. Fra le ragioni dell'esodo forzato vi sono, secondo persone del ramo, la chiusura dei confini di Gaza imposta da Israele, la politica restrittiva di Hamas, la penuria di finanziamenti dell'Autorità nazionale palestinese e la 'concorrenza' di Ong straniere che offrono spettacoli gratuiti a una popolazione che comunque è stremata dalla miseria e non può permettersi il 'lusso' di comprare biglietti di ingresso agli spettacoli.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo