Colomba d'oro a Padre Mourad dalla Siria e Nanni Moretti

Per impegno a favore dialogo,priore la dedica a Padre Dall'Oglio

22 ottobre, 13:31

(ANSAmed) - ROMA, 22 OTT - E' stata assegnata a Padre Jacques Mourad, priore del monastero di Mar Elian in Siria, filiazione del Monastero fondato da padre Dall'Oglio a Deir Mar Musa, la Colomba internazionale 2019, riconoscimento per l'impegno a favore della pace e del dialogo fra le culture e le persone, in una cerimonia ieri a Roma durante la 35/a edizione del Premio Archivio Disarmo-Colombe d'oro per la pace.

Il premio, organizzato da Archivio Disarmo con il sostegno delle cooperative aderenti a Legacoop, viene assegnato ogni anno a personalità del mondo dell'informazione che si sono distinte nel far conoscere casi virtuosi di gestione nonviolenta dei conflitti e di cooperazione internazionale e, nella società civile, si sono fatte portatrici di ideali di dialogo fra le culture e fra le persone.

Padre Mourad, che promuove il dialogo tra Cristianesimo e Islam, dopo anni di impegno per il dialogo con i musulmani, ha vissuto per cinque mesi il dramma del rapimento per mano dell'Isis. "Sono molto commosso per questo premio, che mi darà il coraggio di andare avanti con l'impegno nella mia comunità.

Questa Colomba la dedico a Padre Paolo Dall'Oglio, fondatore della nostra casa madre di Deir Mar Musa. Con il suo generoso impegno Padre Dall'Oglio ci ha mostrato la strada da seguire per il dialogo tra i popoli. La violenza, del resto, non può essere la soluzione per la pace".

La Giuria era formata da Fabrizio Battistelli, Dora Iacobelli, Riccardo Iacona, Dacia Maraini, Andrea Riccardi e Tana de Zulueta. Tra i premiati anche Nanni Moretti per aver scritto e diretto "Santiago, Italia". Il film-documentario racconta il ruolo dell'Italia ai tempi del colpo di stato in Cile, prima dando rifugio in ambasciata a centinaia di oppositori del regime e, successivamente, accogliendone altrettanti. "L'idea di questo documentario nasce da un mio viaggio in Cile, quando l'ambasciatore italiano mi fece tornare alla mente quanto fatto dai nostri connazionali nel settembre del 1973. Mi ha stupito vedere come, degli anni della dittatura Pinochet, si parli molto di più ora che nei periodi subito dopo la fine della stessa", ha dichiarato il regista.

Le Colombe per la sezione informazione sono state assegnate a Leonardo Palmisano (sociologo, scrittore, editore); Elisabetta Soglio (responsabile dell'inserto "Buone Notizie" del Corriere della Sera); Madi Ferrucci, Flavia Grossi e Roberto Persia (giornalisti freelance diplomati alla scuola di giornalismo Lelio Basso, vincitori del Premio Roberto Morrione).

Alla cerimonia di conferimento della Colomba, opera dello "scultore dei Papi" Pericle Fazzini, erano presenti il viceministro al Ministero degli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale Marina Sereni, il presidente di Legacoop Mauro Lusetti e la presidente di CoopCulture Giovanna Barni.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo