Tunisia:da Ue oltre 60 mln euro a favore attività giovanili

Gioventù principale sfida cui stanno lavorando Ue e Tunisia

10 agosto, 13:39

(ANSAmed) - TUNISI, 10 AGO - "L'Unione europea destinerà oltre 60 milioni di euro a sostegno dello sviluppo delle attività dei giovani tunisini nei vari settori". Lo ha detto l'ambasciatore dell'Unione europea a Tunisi, Patrice Bergamini, in occasione della visita al centro giovanile di Ettadhamen, un quartiere popolare della capitale, sede di un progetto pilota inaugurato il 14 gennaio scorso dal presidente della Repubblica Beji Caid Essebsi, accompagnato dal ministro tunisino della Gioventù e dello Sport, Majdouline Cherni.

"Sono venuto a sostenere gli sforzi del ministero della Gioventù e dello Sport, nell'ambito del partenariato Ue-Tunisia nel fornire supporto tecnico al dipartimento e convalidare la sua visione del settore giovanile" ha detto ancora Bergamini precisando che "oltre gli sforzi che facciamo nel campo delle start-up, con la mobilitazione all'inizio dell'anno di 15 milioni di euro e la concessione di 61.000 microcrediti ai giovani per avviare i loro progetti e di 2.000 borse di studio per facilitarne la mobilità, assegneremo oltre 60 milioni di euro per sostenere lo sviluppo delle attività giovanili in Tunisia in tutti i settori".

Ricordando il contributo dell'Ue nel campo dell'istruzione, attraverso il finanziamento del 25% dei progetti di costruzione e ristrutturazione delle scuole medie e superiori in Tunisia, Bergamini ha affermato che l'obiettivo attuale è quello di sostenere tutte le attività parallele all'istruzione scolastica.

"La gioventù rimane la principale sfida a cui stanno lavorando la Tunisia e l'Unione europea, in modo che si possa scrivere un nuovo capitolo nella storia, quindi dobbiamo ascoltare i giovani, sostenerli e coinvolgerli in tutti i progetti.

I giovani sono la vera sfida del futuro e portatori di tutte le nostre speranze". Da parte sua, Majdouline Cherni, ha dichiarato che il ministero della Gioventù e dello Sport ha voluto mostrare all'Unione Europea, in qualità di partner della Tunisia in questo progetto, i progressi degli sforzi del governo sette mesi dopo il lancio di questo progetto pilota.

"Ringraziamo l'Ue per il sostegno a tali progetti, che hanno offerto ai giovani tunisini l'opportunità di diventare partner attivi nella gestione e nell'animazione di questa istituzione".

Accogliamo con favore anche lo sviluppo registrato nei programmi di questo progetto pilota, che ci incoraggia a generalizzare questa esperienza nei 24 governatorati del Paese", ha aggiunto il ministro dello Sport tunisino. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo