Musica: Premio Loano 2018, 14.ma edizione 23-27 luglio

Cartellone ricco per raccontare 'riGenerazioni' suoni popolari

19 luglio, 17:42

(ANSAmed) - ROMA, 19 LUG - Il Premio Loano, uno dei principali appuntamenti in Italia per la musica di tradizione, torna dal 23 al 27 luglio 2018 per raccontare la musica popolare del futuro. Fedele alla sua vocazione di laboratorio permanente sulla musica tradizionale italiana, il Premio Loano si dedica per il 2018 alle riGenerazioni, per documentare la vivacità delle musiche tradizionali italiane attraverso i passaggi generazionali, quei meccanismi che permettono alla tradizione di sopravvivere innovandosi, modificandosi e contaminandosi con altre musiche e altre culture.

Per cinque giorni, il cuore della città in provincia di Savona si trasformerà in un grande palcoscenico: si potranno incontrare i vincitori della quattordicesima edizione del Premio, partecipare agli incontri con gli artisti e assistere a tanti concerti, tutti a ingresso gratuito. Si comincia lunedì 23 luglio alle 21.30 sul Lungomare di Loano (Spazio Culturale Orto Maccagli) con i Trouveur Valdotèn, il più importante gruppo folk della Val d'Aosta, attivo fino dagli anni '70 nella ricerca e nella riproposta delle musiche popolari dell'area alpina franco-provenzale. Nel corso della serata ritireranno il Premio Loano alla Realtà Culturale 2018.

Martedì 24 luglio il Premio si sposta nel più intimo Chiostro di Sant'Agostino per il concerto di Canio Loguercio e Alessandro D'Alessandro. Vincitori della Targa Tenco 2017 per il miglior disco in dialetto, i due si sono recentemente imposti tra le migliori proposte di nuova canzone d'autore, mescolando i testi di Loguercio, in un napoletano raffinato ed eccentrico, e le sonorità folk-elettroniche dell'organetto di D'Alessandro. Nel corso della serata, Gastone Pietrucci e La Macina riceveranno il Premio alla Carriera 2018.

La serata di mercoledì 25 luglio, sempre nel Chiostro di Sant'Agostino, è tutta dedicata alla vincitrice del Premio Loano per il miglior Album dell'anno 2017, assegnato da una giuria di oltre sessanta giornalisti specializzati: Elena Ledda, voce della Sardegna per eccellenza e fra le più belle voci popolari italiane, presenterà insieme alla sua band il disco Lantiàs. Con la band di Elena Ledda un ospite speciale: Gabriele Mirabassi, unanimemente tra i maggiori clarinettisti italiani.

Il 24 e il 25 luglio, a partire dalle 20.00, nel chiostro di Sant'Agostino, in collaborazione con la Fondazione CEIS - che nell'ex convento gestisce il centro di accoglienza per richiedenti asilo -, sarà proposto l'Apericena Etnico con degustazione di piatti tipici dei paesi di provenienza dei ragazzi ospitati. È invece una vera festa quella prevista per giovedì 26 luglio: sul palco dell'Arena Estiva Giardino del Principe salirà il Canzoniere Grecanico Salentino, star internazionali grazie al loro sound contemporeaneo a partire dalla pizzica salentina.

Chiusura venerdì 27 luglio di nuovo sul Lungomare, con la prima assoluta del Premio Loano Giovani, fortemente voluto dalla nuova direzione artistica: sul palco dello Spazio Culturale Orto Maccagli, apriranno la serata le Lame da Barba, gruppo bolognese vincitore del Premio Loano Giovani 2017, assegnato dalla giuria dei giornalisti specializzati. La proposta delle Lame da Barba parte dalla tradizione della barberia, in passato vera scuola di musica popolare, e la rilegge in una chiave mediterranea, mescolando i valzer popolari alla musica balcanica, la tarantella alla tradizione turca. A seguire, festa da ballo con Saber Système, autori di uno dei dischi di debutto più interessanti della passata stagione. La musica dei giovanissimi cuneesi (tutti under 20) mescola con originalità la tradizione occitana con ritmi africani ed elettronica, per una nuova musica da ballare, a metà tra la discoteca e la festa popolare.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo