Egitto: raffica di decreti presidenziali spodesta militari

Morsi cancella dichiarazione costituzionale, ne limitava poteri

13 agosto, 09:26

Il presidente egiziano Mohamed Morsi Il presidente egiziano Mohamed Morsi

(di Remigio Benni) (ANSAmed) - IL CAIRO, 13 AGO - Con una raffica di decreti decisi almeno in apparenza a sorpresa, il presidente egiziano Mohamed Morsi, dei 'Fratelli Musulmani', ha spazzato via le insegne del potere militare che da sessant'anni governava l'Egitto: rimossi il capo delle forze armate e ministro della Difesa Hussein Tantawi e il capo di stato maggiore Sami Anan, li ha sostituiti con i generali Abdel Fatah el Sisi e Sobhi Sidki.

E ha nominato vicepresidente un magistrato, Mahmoud Mekki. Morsi ha così avviato un processo per rendere 'civile' il controllo delle maggiori istituzioni del paese, nominando un magistrato primo vero vicepresidente e abolendo un decreto militare che limitava il suo ruolo di capo di stato. Mandare in pensione il ministro della difesa Hussein Tantawi che da vent'anni era a capo dell'esercito e che nell'ultimo anno e mezzo aveva preso il posto dell'ormai ex rais Mubarak (rimosso proprio dai militari l'11 febbraio 2011 sulla spinta della piazza) non significa che le forze armate non saranno più la spina dorsale del paese delle Piramidi. Dall'abolizione della monarchia di re Faruq e dalla rivoluzione degli 'ufficiali liberi' del 1952che aprirono la strada ai regimi di Nasser, Sadat e Mubarak, militari ed esercito hanno continuato ad accumulare potere economico e potere gestionale di industrie e servizi, al punto che da qualche settimana circolavano voci di un possibile 'golpe' per mettere fine alla presidenza Morsi. Fondate o meno che fossero queste speculazioni, è certo che i rapporti tra militari e Fratelli Musulmani, almeno quelli risultati vincitori prima alle elezioni parlamentari di novembre-gennaio e poi a quelle presidenziali di giugno, non erano mai stati idilliaci. La giunta militare che presiedeva il paese prima di Morsi, dopo un'iniziale periodo di consenso da parte dei rivoluzionari che avevano fatto cadere Mubarak nel timore di una possibile destabilizzazione politica, aveva progressivamente adottato metodi e sistemi di repressione sempre più simili al regime precedente, addirittura triplicando in poco più di un anno i processi davanti alla magistratura militare rispetto a quelli celebrati durante i trent'anni di gestione dell'ex rais. La manifestazione più forte della volontà di mantenere il potere da parte dei militari fu, il 17 giugno, giorno in cui Morsi fu votato e mentre i risultati erano ancora incerti, il decreto costituzionale 'complementare' del Consiglio Supremo delle Forze Armate: sciolsero il parlamento acquisendo per sé il potere legislativo fino a nuove elezioni parlamentari, sancirono che il presidente non sarebbe mai stato comandante supremo delle forze armate, come era stato in precedenza, e ridussero altre attribuzioni presidenziali. Si potrebbe quindi definire un "contro-golpe" quello realizzato oggi da Morsi tenendo un occhio alla crisi economica incombente, per la quale proprio ieri l'emiro del Qatar si è impegnato a versare due miliardi di dollari nelle casse della Banca Centrale d'Egitto. Inoltre entro la fine del mese dovrebbe essere negoziato un prestito del Fondo Monetario Internazionale. Mentre si verificano black out in tutto il paese e i rincari del costo della vita diventano sempre più insostenibili per molti cittadini, le prime reazioni sul web di giovani e meno giovani alle decisioni di Morsi, che ha nominato un nuovo ministro della difesa ed altri responsabili per lui affidabili, sono sufficientemente entusiaste. Al punto che per domani viene invitata la popolazione egiziana a festeggiare la fine del potere militare sull'Egitto nella storica piazza Tahrir, che un anno e mezzo fa aveva mandato a casa Hosni Mubarak dopo trent'anni. (ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo