Libia: Haftar a Renzi, ci servono armi contro l'Isis

"Ci aiuti a togliere embargo, se vincono loro Italia a rischio"

10 marzo, 14:34

Il capo delle forze armate libiche, generale Khalifa Haftar Il capo delle forze armate libiche, generale Khalifa Haftar

(ANSAmed) - TOBRUK - "A Renzi chiedo di convincere la comunità internazionale a rimuovere l'embargo sulle armi e di aiutarci a combattere per una Libia libera dagli estremisti. E' decisivo anche per l'Italia: se dovesse vincere l'Isis sarebbe a rischio la vostra sicurezza". Lo dice in un'intervista all'ANSA il capo delle forze armate libiche, generale Khalifa Haftar.

"Stiamo combattendo anche per voi e se dovessimo fallire il prossimo obiettivo dei terroristi sarebbe l'Italia", spiega nell'intervista all'ANSA il neo nominato capo delle forze armate del governo internazionalmente riconosciuto di Tobruk. "Siamo un popolo orgoglioso - prosegue - possiamo anche combattere questa guerra a mani nude, ma il Qatar, Turchia e il Sudan stanno aiutando gli estremisti, con armi e finanziamenti. Anche se siamo sicuri che siano pilotati da altre potenze straniere. E' importante che si sappia che voltata questa pagina ci ricorderemo molto bene chi ci è stato vicino e chi invece si è voltato dall'altra parte". "La Libia - sottolinea ancora Haftar - è un paese ricco di risorse e in base a quanto accadrà e a chi sosterrà il governo eletto democraticamente, decideremo noi con chi condividere questa ricchezza".(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo