La rivolta del Rif in Marocco, presidio continuo a Al Hoceima

Arrestati i leader del movimento sospettato di indipendentismo

06 giugno, 19:44

Manifestanti a Rabat a sostegno della rivolta del Rif, sventolando la bandiera Amazigh Manifestanti a Rabat a sostegno della rivolta del Rif, sventolando la bandiera Amazigh

(di Olga Piscitelli)

RABAT - La politica cavalca la protesta del Rif e il Palazzo serra i ranghi. Mentre il leader della rivolta Nasser Zefzafi resta in carcere con altri 28 fiancheggiatori, tutti accusati di 'attentato alla sicurezza dello stato', la polizia continua a spiccare mandati di arresto.

Sono finiti in carcere anche il luogotenente di Zefzafi, Nabil Ahamjik e la cantante Silya Ziani, tra i volti più noti della protesta. Politici, intellettuali e attivisti dei diritti umani fanno pressione sul governo perché risponda alla richiesta dei manifestanti: scuole, ospedali, infrastrutture, investimenti, industrie, colture alternative a quelle della marijuana, insomma piani di sviluppo per la zona. Da ultimo chiedono anche la liberazione di quanti in questi giorni sono finiti agli arresti.

Il governo assicura che i piani sono allo studio e che le richieste dei dimostranti sono legittime; il gabinetto reale si riunisce a Rabat, sabato sera. Il sospetto di molti è che il movimento avanzi in realtà istanze separatiste, come già accaduto in passato: durante le manifestazioni sventolano troppe bandiere della Repubblica del Rif.

La storia. Al Hoceima è il centro della rivolta. È nel Rif, la regione più a nord del Marocco, compresa tra cap Spartel e l'Algeria. È regione montuosa, delimitata dalla catena del Rif che le dà il nome e abitata da popolazione di origine berbera, con usi, costumi e lingua diversi da quelli del resto del Marocco. Qui la seconda lingua è lo spagnolo. Essere del Rif vuol dire essere particolarmente orgoglioso.

Gli abitanti sono costretti a vivere di pesca e hashish, schiacciati da controlli e regole imposte alla fine degli anni '50, quando cioè per la seconda volta gli abitanti del Rif, la regione più a Nord del Marocco, tentarono di ottenere l'indipendenza. Si erano già ribellati agli spagnoli nel '21, molto prima cioè dell'indipendenza marocchina che arriva solo nel '56. E ci riprovarono nell'84 con la rivolta del pane, nel tentativo di ammorbidire la linea imposta da Hassan II con un editto reale che di fatto dichiara il Rif area militarizzata.

I protagonisti. Nasser Zefzafi, 39 anni, disoccupato. È lui il fulcro del movimento, il capo indiscusso della rivolta, tanto che fioriscono già le agiografie. C'è persino chi si spinge a collegarlo con una pur blanda parentela ad Abdelkarim el Kattabi, il capo militare del colpo di stato anni '20 e l'ispiratore delle rivolte del '58. In realtà è un ex riparatore di telefonini che dopo aver chiuso bottega si è dato alla politica. Vive in famiglia e sa usare molto bene i social. Non è il solo protagonista del movimento, è il più esposto.

Al suo fianco ci sono anche figure femminili di spicco come Nawal Benaissa e Silya Ziani. La prima è sposata e madre di quattro bambini, l'altra è attrice e cantante di cultura amazigh. Sono laureate e non hanno legami con partiti politici. Guidano la protesta esattamente come Zefzafi.

L'antefatto. Il 28 ottobre, a al Hoceima piccolo centro del Rif, mentre i leader di tutto il mondo si apprestavano a riunirsi a Marrakech per la Conferenza Onu sul clima, un pescatore Mohcine Fikri viene ucciso in modo brutale, tritato dal camion di rifiuti nel tentativo di recuperare il suo carico di pesce spada sequestrato dalla polizia. È la miccia che accende la rivolta. Tutto viene subito sedato, con l'apertura dell'inchiesta che indicherà 11 responsabili di omicidio colposo. La Cop22 può andare avanti. Il fuoco però continua a covare sotto la brace. Le parole della protesta. Hirak al shaabii, cioè il movimento popolare è il nome della mobilitazione.
Hogra è la parola pronunciata durante le manifestazioni: significa 'abuso di potere', 'arroganza di chi comanda'. Gli abitanti del Rif si dicono stanchi di subire le angherie di uno Stato che non fa niente per loro, non li difende e non li aiuta.

L'ultima scintilla. Il 26 maggio, ultimo venerdì prima del Ramadan, il mese sacro del digiuno, Zefzafi irrompe nella moschea e ruba la scena all'imam. Richiama i fedeli alla protesta e pronuncia un discorso definito reazionario di cui la Rete fa rimbalzare ampi stralci: "per chi sono fatte le moschee? Per Dio o per i prepotenti?". È la chiamata alla mobilitazione che tutti aspettavano. Da quel giorno i manifestanti non lasciano le strade. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo