Tunisia: deputata Ennahda, educazione sessuale a scuola

Per proteggere i più giovani da abusi

03 gennaio, 18:53

Il leader di Ennahda Rachid Ghannouchi con una sua sostenitrice all'ultima festa della donna in Tunisia Il leader di Ennahda Rachid Ghannouchi con una sua sostenitrice all'ultima festa della donna in Tunisia

TUNISI - Ha destato un certo stupore in Tunisia la proposta della deputata Yamina Zoghlami, del partito islamico tunisino Ennhadha, di introdurre corsi di educazione sessuale nei programmi di scuole e licei del Paese per meglio proteggere i più giovani dagli abusi e dalle violenze sessuali.

L'occasione è stata l'udienza di ratifica da parte della Tunisia della Convenzione di Lazarote del Consiglio d'Europa per la protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali.

Il ministero dell'Istruzione è arretrato - ha detto - siamo ancora al tempo in cui il bambino ha paura del proprio corpo e pensa che tutto sia peccato. Occorre dunque introdurre corsi di educazione sessuale e si potrebbe cominciare già dai bambini di 4 - 5 anni. Un bambino che conosce il proprio corpo è in grado di proteggersi meglio, ha spiegato la Zoghlami in aula.

Questa sua uscita ha causato un'inaspettata popolarità in rete per la deputata islamista, soprannominata dai più maligni subito Yamina Femen, per assonanza con il nome Amina, ovvero Amina Sboui, ex leader delle Femen in Tunisia nota come Amina Tyler. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo