Macedonia: disputa nome, premier fiducioso intesa con Grecia

Zaev, accordo con Atene entro vertice Nato di luglio

19 febbraio, 11:51

(ANSAmed) - BELGRADO, 19 FEB - Il premier macedone, Zoran Zaev, si è detto convinto della possibilità di risolvere la disputa sul nome con la Grecia entro il prossimo vertice della Nato in programma a luglio. In dichiarazioni all'emittente pubblica austriaca Orf, riprese dai media serbi, Zaev si è detto fiducioso sul prosieguo del negoziato con Atene dopo gli ultimi colloqui a Vienna con il mediatore Onu Matthew Nimetz, che ha presentato nuove idee e proposte. "Si è registrato un primo avvicinamento delle posizioni, e tale processo deve proseguire", ha detto il premier macedone. "Dobbiamo risolvere la questione del nome andando incontro alle richieste della Grecia ma al tempo stesso rispettando la nostra dignità", ha aggiunto dicendosi certo che il negoziato potrà concludersi positivamente entro il summit Nato di luglio. "Abbiamo la promessa che, una volta trovato l'accordo con Atene, i Paesi membri della Nato automaticamente cominceranno la ratifica dell'accordo sulla nostra adesione". Atene esige che il Paese ex jugoslavo cambi nome ritenendo il termine 'Macedonia' - nome della provincia settentrionale greca con capoluogo Salonicco - patromonio esclusivo della tradizione storica e culturale ellenica. Per questo, temendo pretese territoriali, la Grecia da oltre 25 anni blocca il cammino verso Ue e Nato della Macedonia, accolta all'Onu nel 1993 con l'acronimo Fyrom - Former yugoslavian republic of Macedonia (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo