Migranti: Libia, tribù del 'leone del deserto' contro Italia

Discendenti guerrigliero al-Mukhtar, é 'nuova occupazione'

06 luglio, 17:33

(ANSAmed) - IL CAIRO, 6 LUG - Anche la tribù libica cui apparteneva l'eroe della resistenza anti-italiana degli anni Venti, Omar al-Mukhtar, ha lanciato un segnale di nervosismo per il prospettato appoggio italiano alla Guardia di frontiera della Libia in chiave di lotta al traffico di migranti sui confini sud.

La tribù dei Minifa (o "Al Manfah"), in un comunicato pubblicato e rilanciato dal sito Alwasat, ha denunciato "il reiterato intervento italiano nella questione libica" destando "preoccupazioni per una nuova occupazione".

Gli Al Manfah ricorda di essere la tribù "del martire Omar al-Mukhtar" con riferimento implicito all' imam e guerrigliero libico-cirenaico detto anche il "leone del deserto" impiccato nel 1931 dopo la cattura da parte del generale Rodolfo Graziani.

Omar Al Mukhtar era dell'est della Libia mentre l'attenzione italiana nella lotta al traffico di esseri umani é concentrata a sud, dove a fine giugno dichiarazioni ostili al ruolo italiano, presentato come foriero di uno smentito intervento militare, erano venute da tribù dell'area di Ghat.

Per chiarire che i timori sono infondati, l'ambasciatore d'Italia in Libia, Giuseppe Perrone, é intervenuto per due volte su Twitter affermando che non é affatto previsto di compiere "operazioni militari" ma solo di "sostenere la Libia nell'esecuzione del proprio piano che punta a controllare le frontiere".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo