Ue-Tunisia:relazione finale dialogo società civile a maggio

Si concentra su diritti socioeconomici,donne e giustizia

25 marzo, 12:11

(ANSAmed) - TUNISI, 25 MAR - La relazione finale del dialogo tripartito tra Tunisia, Unione europea e società civile tunisina verrà pubblicata nel maggio 2019 in una conferenza stampa a Tunisi e a Bruxelles. Lo ha detto la reponsabile del dialogo e direttrice della rete Euro-Med Rights Lilia Ribaai in occasione della chiusura regionale del dialogo con la partecipazione di rappresentanti della società civile dei governatorati di Monastir, Sousse, Mahdia e Kairouan, aggiungendo che detto rapporto verrà anche presentato al Vertice 5 + 5 in programma il prossimo mese di giugno a Marsiglia. La relazione elabora raccomandazioni che includono l'accelerazione della creazione della cd. "Autorità di sviluppo sostenibile e dei diritti delle generazioni future", ha detto il rappresentante dell'Ordine degli avvocati e membro della commissione preparatoria Sadok Rahmouni, specificando che la mancata attivazione di questa autorità potrebbe probabilmente bloccare il processo economico nel paese. La relazione comprenderà anche raccomandazioni sull'attuazione della Corte costituzionale, l'accelerazione della revisione della legge 67 sullo status dei giudici e l'adozione di codici etici per avvocati e magistrati. Mohamed Imem, esperto di immigrazione presso la rete Euro-Med Rights Network, ha dichiarato che l'Ue è chiamata a rivedere la sua proposta sulla mobilità e l'immigrazione al fine di offrire maggiori benefici ai tunisini.

"Il comportamento piuttosto rigido dell'Ue nei confronti delle relazioni con la Tunisia potrebbe avere un impatto contrario a quello previsto", ha aggiunto Imem, a margine della riunione, citando alcune condizioni che l'Ue starebbe tentando di imporre alla Tunisia, come la facilitazione dell'ingresso dei tunisini in Europa subordinata all'accettazione da parte della Tunisia, del ritorno sul suo territorio di immigrati clandestini non tunisini. Tale proposta ha detto ancora Imem non porta nulla alla Tunisia e denota la mancanza di serietà. Le autorità tunisine devono avere una visione strategica sull'organizzazione dell'immigrazione secondo Imem. Il progetto di dialogo tripartito tra la Tunisia, l'Unione europea e la società civile tunisine, avviato nel 2014, si concentra sui diritti delle donne, i diritti socio-economici, i diritti degli immigrati e la riforma della giustizia. Si terrà invece a Tunisi a fine aprile il quarto round di trattative per la definizione dell'Accordo di Scambio Libero e Approfondito (Aleca) Ue-Tunisia. (ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo