Serbia: Amb. Lo Cascio, da Italia appoggio convinto su Ue

'Pristina si comporti in spirito dialogo'. Intervista a Blic

13 giugno, 13:37

(ANSAmed) - BELGRADO, 13 GIU - L'Italia appoggia con convinzione il cammino della Serbia verso l'integrazione nell'Unione europea, e sul problema del Kosovo si aspetta da parte di Pristina "comportamenti coerenti con lo spirito del dialogo". Lo ha detto l'Ambasciatore d'Italia a Belgrado Carlo Lo Cascio, secondo il quale "la stabilita' dei Balcani occidentali e' della massima importanza per l'intero continente europeo". In un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano belgradese Blic, Lo Cascio ricorda come l'Italia abbia più volte fatto appello alla dirigenza kosovara ad abolire i dazi doganali maggiorati del 100% sull'import serbo e bosniaco al fine di consentire la ripresa del dialogo con Belgrado e arrivare a una soluzione di compromesso sulla questione del Kosovo. "Abbiamo molto apprezzato l'atteggiamento responsabile che la leadership serba ha adottato sin dall'inizio della crisi. Belgrado ha dimostrato di essere ormai un elemento di stabilita' nella regione e auspichiamo che continui con questo approccio costruttivo. Ci attendiamo anche da parte di Pristina comportamenti coerenti con lo spirito del dialogo", ha detto l'Ambasciatore.

"La stabilita' della regione dei Balcani occidentali - ha osservato Lo Cascio - e' della massima importanza per l'intero continente europeo, e un accordo onnicomprensivo e giuridicamente vincolante sulla normalizzazione dei rapporti tra Belgrado e Pristina e' un elemento essenziale affinché tale stabilità possa essere pienamente conseguita e mantenuta a lungo termine". Il dialogo facilitato dalla Ue, a suo avviso, resta il quadro e il formato più idoneo per arrivare a una soluzione della crisi. E lo 'status quo' non e' una opzione percorribile - come ricordato di recente dall'Alto rappresentante Federica Mogherini e dal presidente serbo Aleksandar Vucic. Sul cammino europeo della Serbia, l'ambasciatore ha ribadito l'appoggio espresso sia dal premier Giuseppe Conte in occasione della sua visita a Belgrado in marzo, sia dal vicepremier e ministro dell'interno Matteo Salvini nel colloquio con il presidente Vucic il mese scorso a Roma. "Da ultimo, qualche giorno fa, anche il ministro degli esteri Enzo Moavero Milanesi ha ribadito in parlamento, con altrettanta convinzione, che noi siamo tra i Paesi di punta nel sostenere la necessita' dell'integrazione europea dei Paesi dei Balcani occidentali". Per questo l'Italia, ha aggiunto, e' favorevole all'apertura di nuovi capitoli negoziali con la Serbia. "Sappiamo che il negoziato è complesso, laborioso e richiede uno sforzo congiunto", ha osservato Lo Cascio aggiungendo che "spetta alla Serbia portare avanti le riforme già avviate". E riferendosi al recente rapporto della commissione Ue, l'Ambasciatore ha detto che "in alcune aree i cambiamenti sono più rapidi, in altre sono più lenti. La Serbia sa che deve fare di più". (ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo