Regeni: Il Cairo, nuova squadra investigativa

Procura generale, per studiare documenti e prendere 'misure'

15 gennaio, 17:55

(ANSAmed) - IL CAIRO, 15 GEN - "La formazione di una nuova squadra investigativa che deve studiare e mettere in ordine le carte del caso e che opererà per prendere tutte le misure necessarie per far emergere la verità" sull'omicidio di Giulio Regeni viene segnalata da un comunicato informale della Procura generale egiziana in circolazione al Cairo dopo l'incontro fra inquirenti egiziani ed italiani nella capitale. La formazione della squadra viene "sottolineata" dal procuratore generale Hamada Al Sawi, riporta il testo.

La squadra lavorerà per far emergere la verità, viene aggiunto nel comunicato di cui è stata diffusa anche una versione ufficiale, "in piena neutralità e indipendenza". Il testo non precisa se la nuova squadra sia egiziana o mista, ma una fonte egiziana sostiene che sarebbe egitto-italiana. Al Sawi ha confermato "la prosecuzione della cooperazione fra la Procura generale egiziana e la Procura di Roma con lo scopo di giungere al vero con un'oggettività totale e trasparenza lontana dalle false informazioni che media fanno circolare". "La squadra di inquirenti egiziani ha ascoltato, nel corso delle riunioni congiunte che si sono svolte il 14 e 15 gennaio", ieri e oggi, "i punti di vista degli inquirenti italiani e hanno scambiato informazioni e opinioni", viene aggiunto. Nel sottolineare in apertura che il procuratore generale "e la squadra degli investigatori egiziani hanno ricevuto una delegazione di inquirenti italiani", il comunicato si chiude riferendo che "le due parti hanno concordato di proseguire la fruttuosa cooperazione giudiziaria fra le due Procure e hanno confermato l'applicazione di tutte le procedure d'indagine richieste da ciascuna parte nel rispetto delle leggi dei due Stati".

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo