Migranti: Bartolo, serve meccanismo solidarietà obbligatorio

Ricollocazione automatica, sanzioni per chi non le rispetta

17 settembre, 14:42

(ANSAmed) - BRUXELLES, 17 SET - "Lo avete visto il campo bruciato di Moria? Una bimba in fuga ha chiesto al padre: 'Vero che moriremo?' Cosa mai potrà rispondere un padre? Cosa volete che risponda? Ma noi sì che dobbiamo rispondere. Con durezza estrema. Lo spettacolo, triste, che l'Europa sta offrendo è inaccettabile. Un imperativo morale e politico ci obbliga a chiedere, ora e subito: evacuazione immediata del campo e l'accelerazione dei ricollocamenti dalle isole verso gli altri Stati Membri, in particolari dei minori e dei più vulnerabili".

Così l'europarlamentare Pietro Bartolo intervenendo al Parlamento europeo nel corso del dibattito sul campo di Moria nell'isola di Lesbo in Grecia.

"Bene che la Merkel si impegni ad accogliere 2750 persone dalle isole - ha aggiunto -. Ma, serve una modifica del sistema d'asilo".

Bartolo ha poi sottolineato che "alla vigilia del Patto sulla Migrazione della Commissione, dico ai governi: qui si gioca la credibilità delle istituzioni" e "vanno cambiate le regole: serve un meccanismo di solidarietà obbligatorio che preveda la ricollocazione automatica. E sanzioni per chi non le rispetta.

Non serve costruire nuovi campi. Servono riforme strutturali.

Ora. Non tra decenni". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo