Libia: membro consiglio presidenziale contro Maitig-Haftar

'Rifiuto dell'accordo sul petrolio'

22 settembre, 17:22

IL CAIRO - Uno dei cinque componenti che formano attualmente il Consiglio presidenziale libico, Mohammed al-Ammari, ha respinto senza appello l'accordo annunciato venerdì dal vicepremier Ahmed Maitig e dal generale Khalifa Haftar per far riprendere produzione ed esportazione di petrolio da tutti i giacimenti e terminal del Paese, anche quelli presidiati da mercenari russi o comunque fedeli al militare della Cirenaica.
"Confermiamo il nostro rifiuto categorico di qualsiasi processo parallelo di negoziato sulla fonte di reddito del popolo libico o la stipula di qualsiasi accordo con colui le cui mani sono macchiate del sangue dei libici", ha scritto al-Ammari in una dichiarazione impressa su carta intestata del "Consiglio presidenziale del Governo di accordo nazionale" e di cui l'ANSA ha ottenuto una copia.
Il componente del Consiglio guidato dal dimissionario Fayez al-Sarraj peraltro "dà il benvenuto alla revoca della forza maggiore annunciata dalla Noc", la Compagnia nazionale libica, su "alcuni impianti petroliferi sicuri o in cui non vi sono mercenari stranieri".
Al-Ammari fra l'altro afferma che "l'unica via di uscita a questa crisi" include la volontà annunciata mercoledì scorso da Sarraj di dimettersi entro la fine del mese prossimo e "la prossima organizzazione di elezioni legislative sulla base delle legge elettorale del 2014".
La dichiarazione si aggiunge ad altre contrarie all'accordo Maitig-Haftar venute apertamente dalla Noc; dal presidente dell'Alto consiglio di Stato, Khalid Al-Mishri; e dal comandante militare della zona ovest, Osama Joueili, e - secondo indiscrezioni - dallo stesso Sarraj.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo