Covid: Riad vieta l'iftar nelle moschee durante il Ramadan

Per contenere la diffusione del virus

08 aprile, 14:31

(ANSAmed) - ROMA, 8 APR - L'Arabia Saudita ha sospeso l'iftar (il pasto serale consumato dai musulmani che interrompe il loro digiuno quotidiano) nelle moschee di tutto il regno durante il Ramadan, che inizia questo mese, nel tentativo di fermare la diffusione del Covid-19. Lo riferiscono i quotidiani emiratini. Il Ramadan dovrebbe iniziare intorno al 13 aprile, anche se la data esatta deve ancora essere annunciata.

Intanto però, il ministro saudita degli Affari islamici Abdullatif Al Sheikh ha dichiarato che per rompere il digiuno quotidiano non ci si potrà riunire nelle moschee del regno. Le misure sono state prese per prevenire un numero crescente di casi di coronavirus, ha spiegato.

L'Arabia Saudita ha segnalato un aumento dei casi di Covid-19 nelle ultime settimane: da 338 casi giornalieri di marzo si è passati a 644 del 5 aprile. Oltre all'iftar, il governo ha annunciato che saranno vietati il 'suhoor' (l'ultimo pasto prima dell'alba prima del digiuno) e il tikaf (il periodo di permanenza in una moschea per un certo numero di giorni).(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo