Giordania: catena umana in acqua per simbolo pace da record

262 volontari in acque Mar Morto per Guiness dei primati

31 ottobre, 14:20

Sul Mar Morto la più grande catena umana galleggiante a forma di simbolo della pace Sul Mar Morto la più grande catena umana galleggiante a forma di simbolo della pace

(ANSAmed) - ROMA - La Giordania entra nel Guinness dei primati: ieri sul Mar Morto è stata formata la catena umana galleggiante più grande del mondo. Duecentosessantadue i volontari che hanno contribuito all'impresa dando forma al più grande simbolo della pace galleggiante mai realizzato: turisti in villeggiatura sulle rive del grande lago salato, gente del posto ed espatriati si sono dati da fare per battere il record precedente, che contava 250 persone. La catena umana ha galleggiato per circa 10 minuti, sotto gli occhi attenti degli osservatori del Guinness World Book e con l'incoraggiamento di autorità locali e operatori turistici.

"Questa iniziativa nel Mar Morto contribuisce a promuovere la Giordania nel mondo", ha dichiarato Hisham al Abadi, testimone dell'evento per conto del Ministero del Turismo di Amman. Il Mar Morto, al confine tra Giordania e Israele, rappresenta il punto più depresso sulla Terra: 412 metri sotto il livello del mare. Le sue acque salatissime (al punto che i bagnanti galleggiano in superficie), insieme ai panorami mozzafiato, lo rendono la meta favorita dai turisti che visitano la Giordania, dopo il sito archeologico di Petra.

Malgrado la pace e la stabilità politica che caratterizzano il regno di Abdallah, a malapena sfiorato dalla primavera araba, anche qui il settore turistico ha risentito dei disordini che da alcuni anni caratterizzano la regione mediorientale. Gli addetti ai lavori e le autorità stanno cercando di attrarre turisti da nuovi mercati, ma secondo le previsioni anche per quest'anno i numeri resteranno sotto la media di annate precedenti.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo