Skiathos, l'isola delle Sporadi che ha conquistato italiani

Sfiorati 16.000 arrivi da Italia ad agosto, quasi doppio 2015

20 settembre, 11:35

Una veduta di Skiathos, l'isola delle Sporadi che ad agosto ha attirato quasi 16.000 italiani Una veduta di Skiathos, l'isola delle Sporadi che ad agosto ha attirato quasi 16.000 italiani

(di Patrizio Nissirio)

SKIATHOS (GRECIA) - Estate 2016 da brindisi per la Grecia che, beneficiando della crisi nera del turismo in Turchia, si avvia a superare i record del 2015 (26 milioni contro previsioni di circa 30 milioni di arrivi previsti fino a fine stagione). Ma in questo quadro roseo - prezioso ossigeno per un paese ancora immerso in una drammatica crisi economica - c'è un piccolo miracolo tutto italiano: l'hanno compiuto i quasi 16.000 connazionali (erano 9.000 lo scorso anno) che nel solo mese di agosto sono giunti in aereo sulla piccola isola delle Sporadi di Skiathos, finora dominio incontrastato dei britannici, che ancora si piazzano al primo posto con circa 17.000 arrivi all'aeroporto.

"Gli italiani amano la combinazione di due mondi che l'isola offre - dice in ottimo italiano, grazie ad un anno passato a studiare medicina a Napoli, il pediatra Dimitrios Prevezanos, da cinque mandati sindaco dell'isola - la natura e il centro storico, che ha un sapore un po' cicladico. Ma il vantaggio è che qui in agosto non c'è il Meltemi, il vento che batte l'Egeo per tutta l'estate. Anzi, quest'isola di solito non è ventosa".

Prevezanos spiega che Skiathos, la più vicina alla costa greca di tutte le Sporadi, è adatta ad ogni tipo di turismo e ad ogni tasca, e ha fatto grandi sforzi per accogliere i turisti sempre più numerosi (35 aerei al giorno in alta stagione, più i viaggiatori che arrivano via mare dalla vicina città di Volos).

"D'inverno - dice il sindaco, la cui occupazione, accanto alla politica, è medico pediatra - ci sono 8.000 persone, che diventano 50.000 d'estate, comprese le 5.000 che vengono da tutta la Grecia ed anche dall'estero per lavorare nel commercio e nel turismo. E' un grande lavoro di accoglienza. E negli ultimi anni la nostra stagione è diventata di cinque mesi, da tre che era".

E accanto alla generosa cucina isolana c'è un'altra specialità locale: i matrimoni (anche incoraggiati dal fatto che alcune scene del film 'Mamma mia' siano state girate nel porto di Skiathos), che solo qui, in tutta la Grecia, si possono celebrare in spiaggia. "Siamo la seconda isola della Grecia per i matrimoni dopo Santorini. In un anno 240 matrimoni di stranieri sono stati organizzati qui", dice il vicesindaco Konstantinos Giannitsis, che parla anche lui un eccellente italiano.

L'isola - che ha un cuore verde di boschi, che spesso scendono fino alla costa, attraversato da sentieri attrezzati per camminare - è ricca di spiagge, dalla popolare Koukounaries alle più nascoste Lalaria e Ligaries, fino a quelle di Tsougria, isoletta protetta dal punto di vista ambientale al largo di Skiathos: è talmente bella che negli anni Sessanta i Beatles accarezzarono l'idea di comprarsela. E se proprio pace e natura non sono nelle corde del visitatore, i ristoranti, bar, negozi e la vita notturna della città di Skiathos non temono confronti con isole più notoriamente mondane.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo