Algeria: Bensalah presidente a interim ma studenti in piazza

Nominato dal parlamento. Corteo chiede 'fine del regime'

09 aprile, 17:40

"Vattene!". L'ordine, divenuto uno slogan secco come una fucilata, è stato scandito ogni venerdì per sei settimane da una folla immensa scesa in strada in tutta l'Algeria contro l'ormai ex presidente Abdelaziz Bouteflika, che alla fine la settimana scorsa si è dimesso. Oggi, ad Algeri, "vattene" è risuonato ancora, contro il suo successore, Abdelkader Bensalah, e le forze di sicurezza non l'hanno presa bene: hanno reagito con gas lacrimogeni, cannoni ad acqua e manganelli. Bensalah, 77 anni, capo del Consiglio della Nazione e presidente del Senato, è stato nominato questa mattina dal Parlamento presidente ad interim, in base alla Costituzione, con un mandato di massimo tre mesi per portare il Paese ad elezioni presidenziali, alle quali non potrà peraltro candidarsi. La sua nomina era attesa e per questo, appena è stata annunciata, nell'arco di meno di un'ora i manifestanti sono scesi prontamente in strada, a migliaia, dando vita all'ennesima protesta. Ma anche la loro protesta era prevista. Venerdì scorso, tre giorni dopo le dimissioni di Bouteflika, rimasto al potere per un ventennio, in tutta l'Algeria c'erano state ancora delle manifestazioni per chiedere un completo rinnovamento della classe dirigente, vista come una sorta di estensione dello stesso Bouteflika, che da ormai sei anni è costretto su una sedia a rotelle ed ha anche difficoltà a parlare. In particolare, i manifestanti chiedevano la rimozione delle "tre B", ovvero del primo ministro, Noureddine Bedoui, del presidente del Consiglio costituzionale, Tayeb Belaiz e, appunto, del presidente del Senato, Abdelkader Bensalah.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo