Migranti: Bosnia,neve e freddo aggravano situazione a Vucjak

Profughi continuano a rifiutare cibo e acqua. 'Aprite confini'

05 dicembre, 13:29

(ANSAmed) - SARAJEVO, 5 DIC - Si fa sempre più critica la situazione nel campo profughi di Vucjak, presso Bihac, nel nordovest della Bosnia-Erzegovina non lontano dal confine croato, dove gli oltre 600 migranti presenti continuano a rifiutare cibo e acqua offerti dalla Croce rossa, una protesta avviata nei giorni scorsi per chiedere di poter passare in Croazia e proseguire il loro viaggio verso l'Europa occidentale.

Come riferisce la tv regionale balcanica N1 la situazione nel campo - privo delle più elementari condizioni igienico-sanitarie - sta diventando insostenibile con l'arrivo dell'inverno, con neve e freddo intenso. La notte scorsa la temperatura è scesa a meno 5 gradi centigradi, con la gran parte dei migranti privi di scarpe e abbigliamento adeguato. Nei giorni scorsi a visitare il campo di Vucjak era stata Dunja Mijatovic, commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, che aveva parlato di situazione inaccettabile e vergognosa, chiedendo l'immediata chiusura del campo e il trasferimento dei migranti in strutture dignitose e riscaldate.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo