Turchia: colloqui con Ue su ricerche di gas offshore a Cipro

Telefonata Cavusoglu-Mogherini, due le navi di Ankara in mare

15 luglio, 16:04

(ANSAmed) - ISTANBUL, 15 LUG - Turchia e Unione Europea hanno discusso stamani delle perforazioni condotte da Ankara in cerca di idrocarburi al largo di Cipro. Nicosia e Bruxelles le giudicano una violazione della sovranità territoriale cipriota, mentre il governo di Recep Tayyip Erdogan difende come legittime, in quanto sarebbero entro la sua 'piattaforma continentale' e in difesa dei diritti della comunità turco-cipriota del nord dell'isola.

La questione è stata al centro di una telefonata tra il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, e l'Alto rappresentante per la politica estera Ue, Federica Mogherini. Lo riferiscono fonti diplomatiche di Ankara e lo ha confermato la stessa Mogherini, spiegando che la questione è in agenda nella riunione di oggi dei ministri degli Esteri Ue a Bruxelles. Al momento, la Turchia impiega due navi da perforazione offshore a Cipro, la Fatih e la Yavuz, quest'ultima appena arrivata al largo dell'isola. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo