Croazia: Paese si prepara a presidenza Ue subito dopo Brexit

Nel primo semestre 2020, al posto della Gran Bretagna

14 settembre, 17:49

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 14 SET - La Croazia, membro dell'Ue dal 2013, si prepara ad assumere per la prima volta la presidenza di turno del Consiglio europeo, in programma nel primo semestre del 2020, con l'accento sulle conseguenze immediate della Brexit, prevista per fine marzo del 2019. Lo ha detto oggi il diplomatico croato Gordan Markotic, responsabile per i preparativi della presidenza croata.

Oltre alla Brexit, la presidenza semestrale di Zagabria sarà incentrata anche sulla stesura del novo piano finanziario quinquennale della Ue e sull'allargamento ai Paesi dei Balcani occidentali. Ed è proprio l'uscita del Regno Unito dall'Unione che ha aperto la possibilità alla Croazia di assumerne la presidenza di turno nel gennaio del 2020, per quando, secondo un piano predisposto molti anni fa, era invece prevista la presidenza di Londra. Il primo semestre del 2020 sarà un periodo molto intenso e delicato dato che, oltre all'adattamento alla Brexit, si dovrà attendere anche il completamento della nuova struttura della Commissione e di molte altre istituzioni di Bruxelles dopo le elezioni europee previste per il maggio del 2019.

Il governo ha deciso per il modello di presidenza detto "bruxellese" e la maggior parte delle riunioni si terranno nella sede dell'Ue, mentre in Croazia saranno organizzati gli incontri informali, decine di conferenze e un vertice. Zagabria ha stimato a circa 70 milioni di euro i costi della presidenza croata. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo