Migranti: Croazia, profugo ferito da polizia di frontiera

Secondo caso in dieci giorni di spari su migranti

28 novembre, 15:07

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 28 NOV - Ieri sera in Croazia, nella regione di Gorski Kotar al confine con la Slovenia, un profugo è stato lievemente ferito con un colpo di arma da fuoco sparato da un agente di polizia perché avrebbe opposto resistenza. Si tratta del secondo caso negli ultimi dieci giorni in cui gli agenti croati hanno sparato ai migranti fermati nel transito illegale sulla rotta balcanica.

Secondo una nota della polizia l'uomo, del quale non è stata resa nota la nazionalità, avrebbe "opposto resistenza attiva" agli agenti, comportamento che ha indotto uno di loro a usare l'arma da fuoco e sparare un colpo. Il profugo, che faceva parte di un gruppo di una decina di migranti fermati nel transito illegale, ha subito una ferita lieve alla spalla destra ed è stato ricoverato all'ospedale di Rijeka (Fiume).

Una decina di giorni fa, in circostanze simili, un profugo era stato gravemente ferito nella stessa regione boschiva di Gorski Kotar. La zona è da mesi sottoposta a una intensa e constante sorveglianza di unità speciali della polizia croata, dispiegate per impedire e prevenire le migrazioni illegali.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo