Migranti: Serbia, azione di forza a confine Ungheria

Polizia spara in aria, quattro arresti

28 gennaio, 13:35

(ANSAmed) - BELGRADO, 28 GEN - Un gruppo di una sessantina di migranti ha tentato stamane di forzare la barriera protettiva eretta dalle autorità di Budapest nel 2015 alla frontiera fra Serbia e Ungheria, tentando di passare illegalmente in territorio ungherese. Come riferiscono i media a Belgrado che citano la portavoce della polizia ungherese Silvia Sabo, gli agenti di frontiera magiari hanno sparato tre colpi di avvertimento in aria per respingere i migranti, che si sono ritirati. Solo quattro di loro sono riusciti a passare in territorio ungherese, e sono stati subito bloccati e arrestati.

Nessuno è rimasto ferito. L'azione di forza, è stato precisato, è avvenuta intorno alle 5.30 di stamane al valico frontaliero di Horgos-Reske 2. Il valico è stato chiuso al traffico.

Negli ultimi mesi è ripreso a crescere il flusso di migranti in marcia lungo la rotta balcanica, e che dalla Serbia cercano di passare illegalmente in Ungheria, Paese dell'Unione europea.

Analoga situazione si registra nel nordovest della Bosnia-Erzegovina, dove è in aumento il numero dei profughi che tentano di entrare in Croazia, Paese anch'esso appartenente alla Ue. Il valico serbo-ungherese di Horgos-Reske, dove si è registrato l'azione di forza odierna, fu teatro per giorni di incidenti e violenti scontri fra migranti e polizia ungherese durante la drammatica crisi migratoria del 2015, quando centinaia di migliaia di profughi, in marcia lungo la rotta balcanica, assediarono le frontiere dell'Unione europea. Per contrastare il flusso migratorio il premier ungherese Viktor Orban decise di erigere una barriera metallica e di filo spinato lungo l'intera linea di confine con la Serbia.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo