Porti: con raddoppio Suez, Med allargato attira flusso merci

Studio Srm: 1 mln teu lasceranno Panama per nuovo Canale

02 novembre, 17:57

Una nave nel canale di Suez Una nave nel canale di Suez

(di Francesco Tedesco)

NAPOLI - Il raddoppio del Canale di Suez e le nuove dinamiche logistico marittime e produttive vedono un ampliamento del baricentro mondiale dei flussi di merci, che trasforma il Mediterraneo in un "Mediterraneo Allargato" al Golfo Persico. Lo afferma il quinto rapporto annuale "Le relazioni economiche tra l'Italia e il Mediterraneo", pubblicato da Studi e Ricerche per il Mezzogiorno del Gruppo Intesa San Paolo. Nello studio si dedica infatti un approfondimento al Canale di Suez, in particolare dopo il raddoppio inaugurato il 6 agosto 2015, che consente una riduzione dei tempi di percorrenza stimati in 6-7 ore e porta la capacità media di traffico giornaliero a 97 navi (dalla precedente di 49). Secondo stime di SRM il nuovo canale potrà portare un risparmio medio di circa il 5-10% dei costi operativi totali per ciascuna nave in transito (a seconda delle rotte e delle distanze) utilizzando la rotta via Suez: sulla rotta degli scambi Far East-East Coast US, dunque, circa 1 milione di TEUS (unità di misura dei cargo, equivalente a 40 metri cubi ndr.) potrebbero essere dirottati dai vettori dalle rotte Panamensi a quelle di Suez, passando quindi per il Mediterraneo. L'Italia, che ha una quota di mercato pari al 18% del traffico transhipment nell'area MED, potrebbe quindi essere in grado di intercettare solo su questa rotta un traffico aggiuntivo pari a oltre 170mila TEU. Il raddoppio del Canale, spiegano sa Srm, potrà avere un impatto particolarmente importante per i porti gateway del Nord Italia e del Mezzogiorno che ricevono una quota rilevante dei traffici via Suez: tale valore, ad esempio, raggiunge il 51% dei container movimentati a Genova e il 47% a La Spezia e quasi il 40% a Gioia Tauro.

Necessario, chiaramente, un adeguamento infrastrutturale: per i porti Italiani - che attualmente movimentano 460 tonnellate di merci in totale - il nuovo Canale di Suez rappresenta un'opportunità importante con maggiori navi in transito, ma di maggiore dimensione che richiedono quindi di adeguare urgentemente la dotazione infrastrutturale con la necessità di dragare i fondali ed investire in logistica ed innovazione.

Il protagonismo mondiale di Suez, secondo i dati Srm, vedrà amentare anche il ruolo del Golfo, con gli Emirati in prima fila nel nuovo "Mediterraneo allargato". L'opera rafforza infatti la direttrice Europa-Mediterraneo-Suez-Golfo, che collega l'Asia alla costa orientale degli Stati Uniti. In particolare gli Emirati Arabi Uniti, il cui interscambio commeciale con l'estero nel 2014 è stato di 631,3 miliardi di dollari (4 volte superiore a quello registrato nel 2004), sono tra i paesi più aperti al commercio internazionale: una fetta importante delle importazioni degli Eau viene infatti riesportato in altri paesi, configurando il Paese come uno dei principali trading hub a livello mondiale. Gli Emirati sono il terzo hub commerciale di re-export al mondo dopo Hong Kong e Singapore: il 33,9% delle importazioni degli Emirati viene riesportato verso altri mercati di sbocco.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo