Morto Hassan Kamy, il 'tenore d'Egitto'

Dal Metropolitan a La Scala, cantò anche per il presidente Leone

17 dicembre, 14:57

(di Rodolfo Calò) (ANSAmed) - IL CAIRO, 17 DIC - Un altro pezzo da novanta della cultura egiziana che se ne va. L'attore e tenore egiziano Hassan Kamy, molto legato all'Italia, si è spento al Cairo all'età di 82 anni. Nato nel 1936, per 42 anni Kamy ha calcato le scene dei Teatri dell'Opera di mezzo mondo. Dal Metropolitan di New York alla Scala di Milano, dall'Arena di Verona al Covent Garden di Londra, si ricorda al Cairo dove sì è spento venerdì scorso.

Dopo avere frequentato la scuola dei Gesuiti, si laurea in legge all'Università del Cairo e entra al Conservatorio nel 1950, per poi studiare 4 anni in Italia Bel Canto. Debutta all'Opera del Cairo - inaugurata nel 1869 in occasione dell'apertura del Canale di Suez e andata distrutta nel 1971 a causa di un incendio - nel 1963, con Aida, nei panni di Radames - un ruolo che interpreterà innumerevoli volte nell'arco della sua lunga carriera che lo ha visto protagonista in oltre 240 rappresentazioni al di fuori dei confini nazionali, portando in alto la bandiera dell'Egitto. Grande interprete verdiano, un aneddoto lo lega in modo speciale all'Italia. Nel 1974, in occasione della visita ufficiale dell'allora capo dello Stato italiano, Giovanni Leone, il presidente egiziano Anwar Al Sadat gli chiese di esibirsi.

Pochi giorni dopo, in segno di stima da parte del presidente Leone, l'ambasciatore d'Italia al Cairo lo fece chiamare.

Incontrandolo, l'allora capo missione gli consegnò un mazzo di chiavi. "Si trattava di un'Alfa Romeo regalo del capo dello Stato italiano", confidava Kamy ai più intimi. Direttore artistico della Cairo Opera House per diversi anni, nel 1987 portò per la prima volta l'Aida alle Piramidi. Otto serate consecutive, 1.600 interpreti in scena e 27mila spettatori.

Oltre che cantante d'opera, Kamy fu anche protagonista del grande e del piccolo schermo. Diretto anche dal grande regista Youssef Chahine, la sua carriera cinematografica inizia nel 1977. Recita insieme ai più importanti attori egiziani, fra cui Omar Sharif, l'indimenticabile Dottor Zivago, scomparso nel 2015. Per la Tv è protagonista di molte fiction e film destinati al mercato dei Paesi arabi.

Pur avendo lasciato ogni incarico ufficiale e scelto di concludere la sua carriera operistica con tutti gli onori nella prima decade del 2000, il "tenore d'Egitto" - come venne soprannominato - non è mai uscito dalla scena culturale del Paese. Discendente della dinastia di Mohamed Ali Pasha (1769-1849), considerato il fondatore dell'Egitto moderno, insieme con il principe Abbas Helmi - nipote dell'ultimo Khedive d'Egitto, Abbas Helmi II - suo grande amico, attraverso l'Associazione Amici del Palazzo Manial (ex palazzo reale) - Kamy ha continuato a promuovere la cultura e la musica. L'ultima iniziativa da lui ideata, il Manial Palace Festival, che lo ha visto protagonista dal 1 al 9 novembre scorsi. Infine, la sua passione per i libri antichi lo portò ad acquistare nel 1989 l'Orientaliste, una libreria antiquaria a pochi passi da piazza Tahrir, fondata da un libraio ebreo di nome Feldman nel 1936, dove scelse di rifugiarsi dal 2012, dopo la morte della moglie, con cui condivise 41 anni di vita matrimoniale.

A rendere omaggio a Kamy il giorno delle esequie, c'era la ministra della Cultura, Ines Abdel Deyem, sua grande amica, flautista di successo e già direttrice dell'Opera del Cairo. Nel 'tempio' dove passò gran parte della sua esistenza, gli artisti hanno voluto invece ricordarlo osservando un minuto di silenzio prima di ogni rappresentazione. Musulmano di vedute molto aperte, Hassan Kamy aveva sposato una copta cattolica. E nel corso dell'omelia domenicale, a rivolgergli un ultimo saluto, c'é stato anche il parroco della chiesa cattolica di San Giuseppe, a Zamalek, nel cuore della capitale egiziana, dove spesso cantava in occasione delle celebrazioni per il Natale. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo