Summit Lega araba, società civile tiene vertice parallelo

Per chiedere miglioramento della situazione dei diritti umani

29 marzo, 14:46

(ANSAmed) - TUNISI, 29 MAR - "Il Summit della Lega Araba non porterà a nessuna decisione importante riguardo ai problemi reali e urgenti dei paesi e dei popoli arabi, inclusa la causa palestinese". Così il presidente del Sindacato nazionale dei giornalisti tunisini (Snjt) Néji Bghouri, aprendo i lavori del Vertice della società civile araba, che si terrà fino a domenica a Tunisi in concomitanza con il 30ma sessione ordinaria del Summit dei Paesi della Lega Araba.

Questo vertice parallelo, che punta ad un miglioramento della situazione sul fronte dei diritti umani nei Paesi arabi, in particolare in Algeria e in Egitto, intende sfidare gli Stati e i leader riuniti al summit arabo e fare pressione su di loro affinché promuovano miglioramenti "in termini di legislazione e regolamenti", ha spiegato Bghouri.

"Vogliamo approfittare della presenza dei rappresentanti dei media di tutto il mondo a Tunisi in occasione del Summit arabo per esprimere il nostro punto di vista, come società civile, sulla situazione dei diritti umani nei paesi arabi, la causa palestinese e i vari movimenti di protesta nella regione", ha affermato il comitato esecutivo del Snjt. "Questo vertice parallelo della società civile araba mira anche a sensibilizzare l'opinione pubblica tunisina sulla necessità di sostenere i popoli arabi nella loro ricerca di libertà".

Giornalisti, intellettuali e scrittori tunisini hanno lanciato un appello alla Lega Araba, esortando i paesi membri ad assumersi le proprie responsabilità nei confronti della causa palestinese e in serata sarà inoltre pubblicata una dichiarazione per sostenere le proteste in Algeria", ha precisato Bghouri.(ANSAmed). Il summit della società civile araba terminerà con l'invio di una lettera aperta agli stati arabi il 31 marzo, con un elenco di raccomandazioni per promuovere e proteggere i diritti umani nei rispettivi paesi. In questa lettera, i partecipanti esprimeranno il sostegno incondizionato della società civile ai popoli arabi, tra cui sudanesi, algerini e del Barhein. In programma anche un incontro tra giornalisti arabi verrà organizzato dalla Federazione internazionale dei giornalisti, dall'Unione generale dei giornalisti arabi e dall'Unione nazionale dei giornalisti tunisini (Snjt) che si concentrerà sul sostegno alla Dichiarazione sulla libertà dei media nel mondo arabo. Diverse altre questioni importanti come la situazione delle donne nel mondo arabo, la pena di morte e la tortura saranno discusse in questo vertice della società civile. Una manifestazione di solidarietà con i popoli arabi si terrà il 31 marzo prossimo di fronte al Teatro Municipale di Tunisi, animata da uno spettacolo artistico della Clown Activist Brigade.

(ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo