Musica: Abu Dhabi, concerto di 128 musicisti da 20 Paesi

'Hekayat' di Darwish,online artisti appariranno insieme su palco

22 marzo, 13:57

(ANSAmed) - NAPOLI, 22 MAR - Una performance che attraversa il mondo grazie a 13 composizioni suonate da 128 musicisti in 20 paesi, celebrando le tradizioni musicali e la cultura di ogni continente. E' il concerto virtuale prodotto da Abu Dhabi Festival, che si svolgerà il 30 marzo, dal titolo "Hekayat: Symphonic Tales", l'opera del compositore emiratino Ihab Darwish.

Sulla piattaforma abudhabifestival.ae il concerto, grazie ad un raffinato espediente tecnologico, vedrà gli artisti, registrati separatamente, apparire come un'unica orchestra sul palco del lussuoso Emirates Palace Auditorium di Abu Dhabi. Per l'occasione Ihab Darwish riunisce un autorevole gruppo di musicisti internazionali, tra cui l'illustre Beethoven Academy Orchestra di Cracovia, diretta dal maestro Tomasz Tokarczyk, il VOX Chamber Choir, il tenore José Cura, gli artisti Sara Andon, Kodō, Carlos Piñana e Kinan Azmeh. l'evento rappresenta anche l'impegno di Abu Dhabi Festival nel promuovere la diplomazia culturale e sostenere la crescita delle arti dello spettacolo negli Emirati Arabi Uniti e in tutto il mondo.

Le singole esibizioni sono state sincronizzate digitalmente e l'innovativa tecnologia di post-produzione ha permesso di collocare tutti gli artisti all'interno di un modello 3D virtuale del palco. "La prima internazionale - spiega Huda I.

Alkhamis-Kanoo, direttore artistico di Abu Dhabi Festival - di Hekayat di Ihab Darwish è uno straordinario viaggio nella musica sinfonica in cui artisti provenienti da ogni parte del mondo si uniscono per diffondere un messaggio universale di pace e inclusione, perfettamente in linea con la mission di Abu Dhabi Festival. Attraverso una tecnologia innovativa, Abu Dhabi Festival è orgoglioso di presentare al pubblico la seconda commissione del lavoro di Ihab, con una produzione virtuale straordinaria".

"Utilizzo costantemente generi - afferma Ihab Darwish - strumenti e tempi diversi nella musica. La natura sperimentale di Hekayat è ispirata dal desiderio di un futuro migliore e dalla fede nei valori umani condivisi. Sin dal mio primo impegno ad Abu Dhabi Festival, il format delle esibizioni è stato ripensato a causa della pandemia, eppure il profondo impatto emotivo della musica e il suo potere di confortare sono diventati più potenti che mai. Come evento virtuale esclusivo, Hekayat avrà il grande vantaggio di essere accessibile al pubblico di tutto il mondo". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo