L'Ue prepara una missione di pace in Libia sotto egida Onu

Ma Erdogan non ci sta: 'Il coordinamento sia dell'Onu, non Ue'

20 gennaio, 16:45

(ANSAmed) - ROMA, 20 GEN - L'Alto rappresentante dell'Ue Josep Borrell dovrebbe presentare una proposta per una missione europea di salvaguardia del cessate il fuoco in Libia, sotto l'egida delle Nazioni Unite, in occasione del prossimo Consiglio Affari esteri di febbraio. In quella sede dovrebbe presentare anche una proposta per rilanciare il mandato dell'operazione Sophia, per il monitoraggio dell'embargo sulle armi. E' quanto affermano fonti diplomatiche europee. Tuttavia le stesse fonti sottolineano che ancora non si può parlare di un vero e proprio cessate il fuoco in Libia, ma solo di una tregua, perché le due parti in conflitto, il tripolino Fayez Serraj e l'uomo forte della Cirenaica Khalifa Haftar, non hanno sottoscritto la dichiarazione della Conferenza di Berlino.

Sulla Libia, c'è anche la netta presa di posizione del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che, commentando l'esito della conferenza di Berlino, ha detto: "Visto che è coinvolta l'Onu, non è corretto che l'Ue intervenga come coordinatore del processo" di pace in Libia. Se il cessate il fuoco che abbiamo chiesto con Putin verrà rispettato, si aprirà anche un processo politico" in Libia, ha aggiunto Erdogan. "La presenza della Turchia in Libia ha aumentato le speranze di pace. I passi che abbiamo compiuto hanno portato un equilibrio al processo.

Continueremo a supportare un processo politico sia sul terreno sia al tavolo delle trattative. La Turchia è la chiave per la pace", ha aggiunto il leader di Ankara. Intanto, il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, ha fatto sapere che "l'Unione europea è al lavoro per integrare l'accordo sul cessate il fuoco" con il rispetto "dell'embargo sulle armi", per questo "a inizio febbraio si terrà a Berlino una nuova conferenza di aggiornamento" sulla situazione in Libia "a livello dei ministri degli Esteri". "Il nostro obiettivo - ha aggiunto Maas - è stato raggiunto ma era solo il punto di partenza. Ora il grande problema è un armistizio completo e un processo politico che apra la strada a una pace duratura".

Secondo il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, se si parla di far rivivere la missione Sophia, deve "essere smontata e rimontata in maniera diversa, deve essere una missione per non far entrare le armi" in Libia "e per rispettare il cessate il fuoco, per far in modo che si avvii un percorso politico. E nulla altro".(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo