Ue vara riforma allargamento,regole più rigide per candidati

Possibile sospensione negoziati se non rispetto standard europei

05 febbraio, 13:29

(ANSAmed) - BRUXELLES, 5 FEB - Più peso politico degli Stati membri nelle trattative per l'adesione di nuovi Paesi all'Ue - in particolare, i Balcani occidentali - con la possibilità di attuare misure più incisive per sanzionare eventuali arretramenti dei candidati nelle riforme fondamentali, fino anche alla sospensione dei negoziati. E' questo in sintesi il cardine della riforma del processo di allargamento presentata dal commissario Ue, Oliver Varhely. Cambia anche il raggruppamento dei cosiddetti 'capitoli negoziali', finora aperti e chiusi singolarmente fino a segnare il completamento delle trattative. Con la riforma, saranno divisi in sei gruppi tematici. Di centrale importanza il rispetto degli standard Ue sullo stato di diritto e la democrazia. La nuova metodologia Ue risponde alle preoccupazioni fatte emergere in particolare da Francia e Paesi Bassi che, nell'ottobre scorso, hanno bloccato l'avvio dei negoziati di adesione per l'Albania e la Macedonia del Nord.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo